Giorno della Memoria, le iniziative del Comune di Firenze

Visite al Memoriale, appuntamenti nelle biblioteca, installazioni ed eventi nei Quartieri

Galleria immagini

351 Visualizzazioni

domenica 26 gennaio 2020 11:27

Un giorno dedicato alla Memoria, per continuare a ricordare quanto è accaduto e fare in modo che non accada mai più.

 

Lunedì tutti gli assessori e gli assessorati del Comune di Firenze, il Consiglio Comunale e i cinque Quartieri, hanno organizzato iniziative e prenderanno parte a numerosi eventi che coinvolgono scuole, biblioteche, cittadini e istituzioni.


Le iniziative sono numerose: dalla partecipazione degli studenti fiorentini al Meeting degli studenti toscani al Mandela Forum al consiglio comunale dedicato al giorno della memoria; dalla partecipazione istituzionale del sindaco Dario Nardella alla commemorazione al binario 16 della Stazione fino ad incontri in biblioteca, nelle scuole e alla proiezione di film sull’olocausto. Ecco qui le principali iniziative organizzate a Firenze.
 


Un’apertura straordinaria con visite guidate per il Memoriale. Il Comune e MUS.E, in collaborazione con ANED (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti), propongono una settimana straordinaria di visite a partire da sabato al Memoriale italiano di Auschwitz (viale Donato Giannotti 81-85 Firenze) ospitato presso il centro Ex3. L’iniziativa, rivolta a giovani e adulti, oltre che alle classi della scuola secondaria di primo e secondo grado, è a ingresso gratuito ma su prenotazione obbligatoria (tel. 055 2768224, info@muse.comune.fi.it).


Calendario delle visite: sabato 25 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30; domenica 26 gennaio: 10.30, 11.30, 12.30, 15.30, 16.30, 17.30; lunedì 27 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30, 15.30, 16.30, 17.30; martedì 28 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30; mercoledì 29 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30 con performance a cura dell’Associazione Donne di Carta; giovedì 30 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30; venerdì 31 gennaio: 9.30, 10.30, 11.30.


Sull’iniziativa del 29 gennaio, si tratta dell’evento dal titolo “Uomo io ti cancello. La shoah nelle pagine della letteratura. Luoghi, immagini, testimonianze”: dalle 9 dopo il saluto dell’assessore Martini, è in programma l’incontro con gli studenti del biennio delle scuole superiori di Firenze e dalle 11.30 l’evento sarà aperto al pubblico (previa prenotazione) per terminare intorno alle 12.30. 


A due passi dal Memoriale, in piazza Bartali di fronte al Centro*Gavinana, è presente anche “Stazione Futura”, iniziativa promossa da Unicoop Firenze con la collaborazione dell’assessorato alla cultura della memoria e legalità.  Si tratta di una installazione con un binario, una vecchia stazione che rappresenta il passato da non dimenticare (quello dell’epoca fascista e delle deportazioni) e un baule con i libri che, sotto vari aspetti e con diversi stili, raccontano le atrocità della Shoah. Ma anche il futuro, perché il treno immaginario che passa in piazza Bartali è diretto verso un futuro dove quello che è successo non deve ripetersi e l’antidoto alla perdita dalle memoria è la cultura: leggere il passato per costruire il futuro. L’installazione rimarrà in piazza fino a martedì.
 

L’assessorato all’educazione e l’assessorato a diritti e pari opportunità hanno predisposto numerose attività per il Giorno della Memoria. Parte proprio in questi giorni la realizzazione da parte dell'artista Ache 77, del Murale sulla parete della scuola primaria Fanciulli di via Policarpo Petrocchi dedicato al maestro eroe Janusz Korczak il medico pedagogista che oltre a dare un grande contributo educativo (tanto che le sue opere sono alla base della Carta Internazionale dei diritti del fanciullo) morì in un lager insieme ai  bambini ebrei della Casa dell’Orfano di Varsavia che aveva fondato lui.


Sarà presentato inoltre il 4 febbraio il libro Nonno terremoto, un evento organizzato da Just Women alla libreria Todo Modo. Il libro parla del regime fascista, delle leggi razziali e migliaia di ebrei perdono il posto di lavoro o vengono cacciati dalle scuole e dalle università: la storia di Luciano, "Nonno Terremoto", un bambino ebreo che quel giorno perse tutto: scuola, giochi, amici. 


Molte sono inoltre le iniziative organizzate sul tema della Memoria all’interno del progetto Chiavi della Città che comunque prevedono percorsi per tutto l’anno scolastico con visioni di film a tema, visite a Mauthausen e al Memoriale di Auschwitz. Le scuole fiorentine inoltre partecipano al Meeting degli studenti toscani previsto per lunedì, Giorno della Memoria, al Mandela Forum.

 

Le biblioteche comunali celebrano il Giorno della Memoria con incontri, presentazioni di libri, laboratori per bambini e attività didattiche.


Molte delle iniziative sono in programma lunedì 27 gennaio. Alle 17.30 alla Biblioteca delle Oblate (17.30) nell’ambito di “Leggere per non dimenticare”, Daniel Vogelmann presenta il libro di Anna Vera Sullam Calimani "I nomi dello sterminio. Definizioni di una tragedia" (Marietti, 2018). Alla Biblioteca Pietro Thouar, dalle 17, presso la Sezione Ragazzi “1938: l'inizio di tutto. La storia in una fotografia”, laboratorio di racconto e ricerca fotografica per ricostruire la storia della Shoah. Per bambini dai 9 anni su prenotazione.

 

Sempre lunedì, alle 16, presso la Biblioteca Villa Bandini sono in programma lezioni di storia della filosofia dedicata al Giorno della memoria. “Dove era Dio ad Auschwitz?”, una riflessione storico filosofica sulla Shoah a cura del Prof. Salvatore Tassinari. Spostandosi alla Biblioteca Filippo Buonarroti, alle 17 il gruppo di lettura della biblioteca leggerà brani estratti da: "L'universo di Margherita" di Margherita Hack e Simona Cerrato, "Il cielo cade" di Lorenza Mazzetti, "Fino a quando la mia stella brillerà" di Liliana Segre e Daniela Palumbo, "La memoria rende liberi" di Liliana Segre ed Enrico Mentana. Previsto accompagnamento con canzoni ebraiche a cura del Coro "Cantamaggio" della scuola secondaria di primo grado “Gucciardini”. Sarà proiettato il video "Un treno per la memoria. Firenze-Majdnek 25-29 gennaio 2004". Ingresso libero.


Martedì 28 gennaio presso la Biblioteca del Galluzzo dalle 17 “Alla (pseudo) ricerca della (quasi) pura razza italiana”, laboratorio contro il razzismo attraverso le pagine de "La difesa della razza".


In alcune delle biblioteche, tra cui Oblate, Galluzzo, CaNova Isolotto, Orticoltura, Villa Bandini, sono inoltre proposti percorsi bibliografici dedicati al Giorno della Memoria, mentre la Biblioteca Mario Luzi da lunedì 27 al 2 febbraio ospita “I fumetti della memoria”. Si tratta di un viaggio attraverso le immagini dei più significativi autori di graphic novel e graphic journalism che hanno raccontato l’orrore dello sterminio programmato di interi popoli, intrecciando il realismo della fotografia con il linguaggio del racconto a fumetti, da Art Spiegelmann a Emmanuel Guibert per arrivare a Nora Krug. Ingresso libero.


Anche nei Quartieri si celebra il Giorno della Memoria con eventi commemorativi, spettacoli teatrali, visite guidate, proiezioni, per non dimenticare. In particolare, l’evento del Quartiere 3 si svolgerà al Memoriale di Auschwitz, l’opera d’arte che è stata trasferita dal Blocco 21 del Museo del campo di sterminio alla struttura EX3 a Gavinana, ora monumento pubblico e luogo culturale aperto a tutti.
 

Quartiere 2. Domenica 26 gennaio alle 17, l'Oratorio ANSPI (Santa Caterina da Siena a Coverciano) organizza al Teatro Sancat di Via del Mezzetta con “LabadMimesi” laboratori teatrali lo spettacolo “Credoinunsolodio” di Stefano Massini: tre ritratti di donna, tre culture, tre religioni, tre percorsi di vita. Prenotazioni al 3396640770 o sancatcultura@virgilio.it.


Al Circolo Andreoni, lunedì 27 gennaio alle 16, ci sarà la proiezione del film “Dal Ritorno”. Silvano Lippi racconta la storia di un soldato italiano in Grecia, nel 1943, prigioniero dei Tedeschi, deportato a Mauthausen dove fu addetto ai forni crematori. Non è un film sulla memoria, è un film su di noi, su un uomo, un uomo che sopravvisse e che sta scomparendo, il suo racconto, i luoghi del suo racconto. I luoghi della sua vita oggi, la sua esistenza dopo, nel silenzio, nell’incredulità.


Quartiere 3. Si è svolto oggi al Centro della Memoria e della Cultura EX3 ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati) lo spettacolo “Oltre la Vittoria”. Racconti con proiezioni di atleti del mondo dello Sport nel periodo delle Deportazioni. Al termine si svolgerà la visita al Memoriale di Auschwitz.  Interventi della Presidente del Quartiere 3 Serena Perini e della consigliera del Quartiere 3, referente per le attività culturali, Liliana Fusi.
 

Quartiere 4. Lunedì 27 gennaio eventi organizzati dagli Istituti Comprensivi del territorio: alle 13 inaugurazione della Mostra “Barsanti non dimentica” disegni dei ragazzi della Scuola Secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Barsanti. La mostra rimarrà aperta nei seguenti orari: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 14, il martedì e giovedì dalle 8.30 alle 17 nella Sala consiliare Tosca Bucarelli a Villa Vogel via delle Torri 23.
Alle 17.30 spettacolo “Esiste una sola razza, quella umana” a cura degli allievi delle classi terze dell’Istituto Comprensivo Montagnola Gramsci all’Auditorium della Scuola Media Gramsci via del Sansovino 35.
 

Quartiere 5. Lunedì 27 gennaio si terrà una lettura drammatizzata del testo di Katherine Kressmann Taylor “Destinatario Sconosciuto", spettacolo che ruota intorno allo scambio epistolare che due amici fraterni e soci in affari, uno tedesco e uno americano ed ebreo, hanno nel 1932. La rappresentazione si terrà: alle 10 all'Auditorium dell'Istituto Comprensivo O. Rosai per gli studenti delle scuole; alle 21, nella sede di Villa Pallini, aperta a tutti i cittadini. In apertura sarà proiettato il cortometraggio “Per non dimenticare” di Roberto Beleffi. 

 

“Per quantità e qualità delle proposte posso dire che Firenze è davvero un punto di riferimento – commenta l'assessore alla cultura della memoria e della legalità Alessandro Martini – E' un motivo di orgoglio ma anche un segno della nostra volontà di impegnarci sempre più per il mantenimento della memoria in un tempo in cui è difficile coinvolgere larga parte della comunità su questi temi e in cui, per motivi anagrafici, stiamo perdendo tutti i testimoni diretti della tragedia epocale delle deportazioni e della Shoah. Come Amministrazione siamo impegnati direttamente e con le realtà collegate come il Memoriale, luogo unico in Italia. Poi ci sono le iniziative dei soggetti del terzo settore, del volontariato, della cooperazione come l'installazione realizzata da Unicoop Firenze in piazza Bartali, ma anche di coloro che in questi giorni dedicano un momento al ricordo di quello che accadde, dalle scuole alle fabbriche, dai circoli alle parrocchie fino ai luoghi di ritrovo. Tutti accomunati nell'impegno di far memoria, perché nessuno possa dire 'non sapevo', 'non mi interessa', 'non spetta a me'. Su questi temi dobbiamo combattere l'indifferenza, la maleducazone, l'ignoranza. Dobbiamo far memoria dove memoria sta per educazione e cultura” conclude l'assessore Martini.  

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.