Dal pesce rosso al pesce pagliaccio, con Aquaria alla scoperta degli acquari e del loro micromondo

2035 visualizzazioni Eccellenze
27/02/2019

Due negozi a Firenze per gli appassionati di acquariofilia o per chi vuole cominciare

In queste vasche ci sono passati intriganti polpi e seppie, migliaia di pesci tropicali di acqua dolce e salata e perfino ultimamente uno squaletto... Ora ci vive anche una murena, che spia i passanti dalle vetrine di Aquaria, in via Baracca.
 

Grande e maculata, col suo aspetto un po’ tenebroso già da sola è sufficiente per far venire voglia di entrare nel negozio e darle un’occhiata più da vicino. Una volta dentro, difficile non restare affascinati dalle oltre cento vasche di Aquaria, che contengono pesci, e non solo, di ogni genere.

 

Dal buffo pesce pagliaccio, che tutti abbiamo imparato a conoscere in "Nemo", ai pesci tropicali di acqua dolce e marini più colorati e disparati.

 

Colore, questa una delle prime cose che saltano all’occhio quando si entra da Aquaria, con i suoi pesci dalle più varie sfumature che catturano gli occhi, e che, se ti soffermi a fissarli, rilassano la mente.

 

Sono due i negozi Aquaria a Firenze, uno nella parte nord della città, in via Baracca (che ha traslocato dalla precedente sede di via Vittorio Emanuele) e uno a sud, in via Piagentina.

 

Due negozi che sono più che altro due affascinanti mondi da scoprire, esattamente come lo è un acquario. Solo entrare in entrambi i negozi e camminare per i corridoi guardando le vasche può essere un’esperienza, un piccolo assaggio di quello che racchiude l’acquariofilia.
 

Un universo a sé, in cui ci si può addentrare anche a piccoli passi, guidati dalla professionalità degli esperti di Aquaria, abituati a seguire una clientela molto vasta, da chi ha esperienza da vendere perchè ha un acquario da decenni, al bambino che ha chiesto un piccolo acquario come regalo di Natale, che si voglia una vasca da 30 o da tremila litri.

 

E a tutti riescono a trasmettere la passione per questo mondo, che può essere una piccola sfida, che sa dare molto in cambio.

 

"Avere un acquario può voler dire mettersi alla prova per gestire qualcosa di animato. Non è come avere un cane, soprattutto come impegno, ma quando torni a casa e ti metti a guardare il tuo acquario scopri che è rilassante, quasi ipnotico, per questo viene utilizzato nella pet therapy. Ad esempio lo troviamo spesso nelle sale d'aspetto  degli studi dentistici, perché aiuta a calmarsi e a distendere i nervi", ci spiega Cosimo, da dietro il bancone di Aquaria.

 

Avere un acquario è come avere un piccolo microcosmo in casa di cui prendersi cura, un'esperienza intensa e quasi poetica, ma soprattutto fattibile sia da un punto vista economico che funzionale


"Ci sono acquari di ogni tipo - ci dice Cosimo - anche di molto piccoli, adatti per ogni esigenza di spazio, di tempo e di costi".

 

Avvalendosi di ditte specializzate, lo staff di Aquaria realizza anche acquari su misura per eventi o ambienti pubblico-privati, con progetti personalizzati, seguendo i lavori fino alla messa in funzione. Per quanto riguarda la manutenzione e la cura dell'acquario, Aquaria mette a disposizione anche un servizio a domicilio, con la cadenza concordata.
 

E anche chi non ha mai avuto un acquario ed è solo incuriosito, può restare colpito dal fascino che questo campo è in grado di provocare.

 

“Avere un acquario diventa una passione, va oltre un hobby, è un piccolo mondo colorato e vivo, tutto da scoprire", conclude Cosimo. 

 

Va a finire che ci troviamo a pensare che sopra al mobile del salotto, in quello spazio vuoto, quasi quasi potrebbe starci un piccolo Nemo...

 

Aquaria vi aspetta presso i propri punti vendita di Firenze

 

Via Piagentina 25/a - Firenze - Tel. 055-679173
Via Baracca N. 17/g - Firenze - Tel. 055-4360932

 

www.aquaria-fi.it

 

 

messaggio promozionale
 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.