Dall'Arno al Serchio: uno dei periodi più siccitosi degli ultimi 20 anni

Giani: 'Condizioni di siccità simili al 2003, non sprechiamo l'acqua'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 23 giugno 2022 12:51

Una situazione di severità idrica elevata che configura uno dei periodi più siccitosi degli ultimi vent’anni.  E’ quanto emerso dall’incontro  convocato ieri dall’assessora all’ambiente e difesa del suolo Monia Monni a cui hanno  partecipato insieme ai sindaci,  l’Autorità idrica Toscana (AIT) le Autorità di Distretto, l’Anci, Upi ed Anbi. Durante l’incontro  sono stati illustrati i dati che sottolineano appunto una severità idrica elevata, registrando uno dei periodi più siccitosi degli ultimi venti anni.

 

In particolare è stata evidenziata una condizione critica sul Serchio, stabile del Grossetano, anche se l’Ombrone grossetano ha ormai un andamento simile ai periodi di luglio ed agosto degli scorsi anni, una tendenza pari al periodo siccitoso del 2017 del lago di Massaciuccoli, e per quanto riguarda l’Arno non è ancora arrivato ai livelli del 2012.

 

I pozzi, nelle zone di Livorno, Grosseto, Pistoia si trovano in una situazione peggiore rispetto agli anni precedenti. Sostanzialmente per tutti i corpi idrici sotterranei si riscontrano criticità. Criticità maggiori nei territori costieri che attingono acqua dalle falde e nelle comunità montane perché si approvvigionano dalle fonti, mentre nei territori che attingono acqua dai bacini la situazione è meno grave. I bacini di Bilancino e Montedoglio rappresentano un’importante riserva  idrica, e stanno garantendo l’approvvigionamento ai territori della Toscana centrale; se necessario potranno garantire approvvigionamenti anche ad altri territori toscani.

 

La gravità della situazione è confermata anche dalle indicazioni ricevute dal Consorzio Lamma che ha registrato, nei primi mesi dell’anno, una forte riduzione dei fenomeni piovosi, anche rispetto al 2017. Inoltre, attualmente, si prevede un luglio ed agosto con temperature sopra la media e precipitazioni sotto la media, che sarà causa anche di importanti fenomeni di evaporazioni delle acque. Per quanto riguarda la situazione degli invasi possiamo affermare che quelli di grandi dimensioni stanno sostanzialmente bene, mentre non stanno bene gli invasi naturali, in particolare Massaciuccoli e Chiusi.

 

“Purtroppo le scarse precipitazioni di questo anno stanno mettendo in crisi le nostre riserve di acqua - ha spiegato l’assessora Monni tirando le fila dell’incontro che si è svolto ieri con i sindaci toscani  e le autorità competenti - , e le previsioni meteo ci dicono che le ci saranno scarse precipitazioni e temperature sopra la media, anche per i prossimi mesi. Tutto questo aggraverà una situazione già emergenziale, come non vedevamo da più di venti anni. Solo grazie alla presenza dei due importanti bacini idrici di  Bilancino e di Montedoglio nelle aree centrali della Toscana la situazione è meno grave che nel resto della Regione e la buona gestione di questa risorsa potrà garantire approvvigionamenti anche per il resto del territorio toscano".

 

"La riunione - ha proseguito Monni -  è stata utile anche per definire alcune azioni da intraprendere per la gestione di questa situazione criticità e, insieme ad Ait e a Cispel, rappresentante dei gestori del servizio idrico, abbiamo condiviso la necessità di chiedere un ulteriore sforzo ai gestori per la stesura di un programma straordinario di ricerca delle perdite e di interventi di riparazione. Ridurre le perdite è una delle azioni più efficaci per risparmiare la risorsa idrica e questo lo abbiamo verificato in questo anno proprio grazie al grande lavoro svolto dai gestori che ci ha permesso di recuperare circa 25mila mc di acqua, metà del lago di Bilancino. Con i sindaci abbiamo anche condiviso la necessità di emettere ordinanze per la gestione e tutela della risorsa, come indicato da AIT, nei territori più fragili. Purtroppo siamo davanti ad un evento siccitoso tra più gravi degli ultimi venti anni, e pertanto serve il contributo di tutte e tutti affinché non si sprechi inutilmente acqua. Tanti piccoli accorgimenti possono fare la differenza.”

 

"Ho fatto il punto sulla situazione idrica della regione", aggiunge Eugenio Giani. "Le condizioni di siccità sono simili al 2003 e il 30% delle falde idriche sotterranee sono caratterizzate da abbassamenti significativi con tendenza al peggioramento. Al lago di Bilancino sono invasati al momento 65 milioni di mc (erano 67 milioni 20 giorni fa) e insieme al lago di Montedoglio, anch’esso molto carico, costituiscono le nostre riserve idriche più importanti in grado di garantire approvvigionamento ai vari territori. Avvieremo un percorso per intervenire in modo strutturale ma oggi è necessario l’impegno di ciascuno di noi: l’acqua è un bene prezioso, non sprechiamola!".

 

(immagine di repertorio)

 

LEGGI ANCHE:

Risparmio idrico, si spengono le fontane a Scandicci

Siccità, ordinanza 'anti-sprechi' in diversi Comuni fiorentini

Siccità, sopralluogo dei sindaci a Bilancino. Nardella: 'Relativa tranquillità'

Rischio siccità, il sindaco Nardella: ‘Situazione sotto controllo, Bilancino salverà Firenze’

Giornata mondiale per la lotta alla siccità, arriva il decalogo del Comune di Firenze

Acqua potabile, a Empoli scatta l'ordinanza per la razionalizzazione del consumo

Divieto di usare acqua potabile per annaffiare e lavare cortili e auto: l'ordinanza a Scandicci

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.