Firenze, al via Pitti Uomo. Il sindaco fa il punto sui lavori di riqualificazione della Fortezza

Nardella: 'Grande messaggio di forza e di fiducia per consolidare e spingere la ripresa in corso'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 11 gennaio 2022 15:53

Giorno di inaugurazione oggi, martedì 11 gennaio, per la 101esima edizione di Pitti Immagine Uomo alla Fortezza da Basso di Firenze.

 

“L’edizione che apriamo oggi ci dà la possibilità di rianimare in piena sicurezza le strutture che accolgono tradizionalmente la manifestazione, luoghi che consideriamo il fulcro di uno sviluppo economico all’insegna della sostenibilità sociale e ambientale, vera e propria bussola delle scelte anche della nostra città. La realizzazione di questa edizione di Pitti è un grande messaggio di forza e di fiducia per consolidare e spingere avanti la ripresa in corso”. Sono le parole del sindaco Dario Nardella.

 

Un altro salone in tempo di Covid. L'accesso è consentito solo mostrando Green Pass Rafforzato e con rilevamento della temperatura. All'interno del polo fieristico: obbligo di indossare mascherine FFP2; limiti alla capienza dei padiglioni con monitoraggio anti-assembramento; sanificazione quotidiana; dispenser gel igienizzante. Un hub tamponi rapidi è a disposizione dei visitatori in collaborazione con Croce Rossa Italiana.

 

Per il sindaco l'inaugurazione della kermesse è stata l'occasione per fare il punto sui lavori di riqualificazione alla Fortezza. "Dopo la realizzazione del primo lotto per il restauro delle mura e la consegna dei lavori del secondo lotto, è stata approvato dalla giunta il progetto definitivo per il nuovo padiglione Bellavista con uno spazio espositivo per circa 5.000 metri quadrati e con la possibilità di avere a disposizione sale congressuali per oltre 2.500 posti, oltre le sistemazioni esterne, con un costo di 20 milioni di euro”, ha spiegato il sindaco.

 

“Realizzeremo come stazione appaltante la gara per l’assegnazione dei lavori nel corso del 2022 - ha spiegato - e, come concordato, li avvieremo dopo Pitti del gennaio 2023. Sono poi in fase avanzata anche le progettazioni degli altri due lotti il padiglione Cavaniglia, affidato all’architetto Stefano Boeri, e il padiglione Machiavelli. L’inizio dei lavori di questi padiglioni è previsto nell’anno 2023 dopo l’edizione di Pitti di giugno. Si procederà poi con la riqualificazione del padiglione Spadolini. Siamo quindi un cantiere aperto, che comunque ci permette di organizzare le manifestazioni”.

 

“Questi interventi sono possibili grazie all’accordo di programma sottoscritto tra i quattro enti proprietari - ha continuato Nardella -, ovvero Comune, Città Metropolitana, Regione e Camera di Commercio, e ringrazio per questo il presidente Giani e il presidente Bassilichi, e al finanziamento ottenuto dal Comune di Firenze nell’ambito del Patto per Firenze, firmato con l’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ci permette di completare un intervento importante atteso da tanti anni dalla nostra città e da tutto il Paese”. 

 

Il sindaco Nardella ha spiegato poi che “si tratta di 68 milioni di euro complessivi, che ci permetteranno di consegnare a Pitti una struttura all’avanguardia che possa coniugare la storia, la bellezza e la funzionalità. Non esiste nessuna fiera a 5 minuti a piedi dalla stazione dell’Alta velocità nel cuore storico della città. La Fortezza è il punto centrale del polo espositivo-congressuale-fieristico cittadino, è una grande opportunità per il sistema fieristico e per la moda fiorentina e italiana. Pitti rappresenta uno dei più prestigiosi eventi internazionali legati al mondo della moda. Qui si coniuga la tradizione di alta qualità del ‘Made in Italy’ con le sfide della ricerca, dell’innovazione globale e quelle proposte da nuove generazioni di talenti. Il suo valore si estende a tanta parte del tessuto sociale ed economico dell’intera città. Pitti ha arricchito l’immagine di Firenze in Italia e nel mondo, aprendo un dialogo fecondo tra il suo inestimabile patrimonio storico artistico e la cultura contemporanea con le sue evoluzioni di linguaggio, di stile e di estetica”.

 

“Per le amministrazioni locali è doveroso dare pieno sostegno allo sforzo che stanno compiendo le imprese. Per quanto ci riguarda vogliamo qualificare sempre di più il rapporto tra governi delle città e imprenditoria della moda, come testimonia la volontà di collaborazione che ha conferito all’asse tra Firenze e altre importanti città italiane, tra cui Milano - ha aggiunto Nardella - Questo rapporto tra città e tra città e mondo delle imprese, fondato sull’ascolto reciproco e sulla collaborazione, è vitale per rafforzare il sistema moda nella competizione internazionale, perché i nostri competitor sono fuori dai confini nazionali, ma anche per fare delle città della moda le pioniere di uno sviluppo territoriale che sposi senza remore modelli improntati alla sostenibilità e alla circolarità”. 

 

“Nell’edizione che apre oggi i battenti, abbiamo sperimentato proficuamente come dimensione fisica e dimensione virtuale possono alimentarsi a vicenda e crescere insieme - ha concluso il sindaco -. Proprio questa integrazione si è resa imprescindibile per ovviare alle conseguenze nefaste della pandemia. Cambiano la vita, le imprese, il lavoro, la società e dunque la politica. Sono processi che vanno monitorati e governati. Ciò richiede un duro lavoro di preparazione e di riqualificazione anche delle istituzioni e della politica a tutti i livelli se si vogliono guidare questi processi nella giusta direzione. Non si può sfuggire a questo compito". 

 

LEGGI ANCHE 

Firenze, torna Pitti Immagine alla Fortezza: i provvedimenti per la circolazione

 

In galery tre immagini del progetto di Stefano Boeri per il padiglione Cavaniglia della Fortezza da Basso

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.