Ripristini su tombini e pavimentazioni lungo la tramvia, dal 27 dicembre in zona stazione

A gennaio in programma la manutenzione del viadotto tranviario Hack con provvedimenti in via di Novoli

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 23 dicembre 2021 15:42

Saranno effettuati tra fine dicembre e gennaio, con prosecuzione anche a febbraio, alcuni interventi lungo le linee della tramvia in funzione a Firenze. Si tratta di ripristini di chiusini in viale Belfiore e viale Morgagni, della realizzazione di pavimentazioni in corrispondenza di alcuni tratti di binari nella zona di piazza Stazione e piazzale Bambine e Bambini di Beslan e della manutenzione del viadotto tranviario Hack a Novoli.  

 

Il primo intervento è stato già effettuato nel fine settimana del 10 dicembre nel sottopasso di viale Fratelli Rosselli-primo tratto di viale Strozzi. Lo stesso tipo di intervento verrà effettuato in viale Belfiore altezza via Guido Monaco. Come già avvenuto nel sottopasso di viale Fratelli Rosselli, all’intervento vero e proprio seguirà un lasso di tempo necessario per la “maturazione” del materiale. Per quanto riguarda la circolazione, saranno istituiti restringimenti di carreggiata dalle 21 di venerdì 7 alle 6 di lunedì 10 gennaio.   

 

Lunedì 27 dicembre prenderanno il via i ripristini della pavimentazione in alcuni tratti dei binari in piazza della Stazione e piazza Adua. In concreto verrà rimosso il bitume e collocati i cubetti di porfido già presenti lungo i binari, anche nelle aree di circolazione promiscua, ovvero dove la sede tranviaria è percorsa anche dai veicoli su gomma. I cantieri sono articolati prevedendo di occupare metà incrocio della sede tramviaria per volta così da garantire il transito veicolare mediante restringimenti di carreggiata. In piazza Stazione gli interventi riguardano l’attraversamento veicolare dei binari lato abside della Basilica di Santa Maria Novella e quello in corrispondenza dell’intersezione con piazza Adua. 

 

Dal punto di vista operativo, la prima metà dell’intervento in entrambe le aree saranno effettuate con la stessa modalità. I lavori prevedono nei primi giorni la rimozione dell’asfalto e posa del porfido (in orario notturno) a seguire il tempo per la maturazione del materiale con termine previsto 6 gennaio. Dal punto di vista della circolazione per il cantiere dietro l’abside resta invariato il senso unico in uscita dalla stazione con una corsia sempre transitabile; per quello lato piazza Adua chi arriva dalla stazione (lato ex pensiline) non potrà proseguire verso piazza Adua-via Cennini e dovrà dirigersi verso via Valfonda.

 

La seconda fase prevede il ribaltamento del cantiere sull’altro lato degli incroci: per quanto riguarda l’area dietro l’abside l’intervento è stato programmato al termine di Pitti Immagine Uomo (dal 17 al 28 gennaio) con la conferma del senso unico in uscita dalla stazione con una corsia sempre transitabile. Nella zona lato piazza Adua la conclusione della metà dell’incrocio verrà invece posticipato al termine delle manifestazioni e dei disallestimenti della manifestazioni di Pitti Immagine alla Fortezza ed è stato programmato dopo il 14 febbraio.

 

A gennaio sono in programma anche alcuni interventi di manutenzione al Viadotto tranviario Hack. I lavori prenderanno il via il 3 gennaio e sono articolati in fasi successive e prevedono l’istituzione di provvedimenti di mobilità su via di Novoli e in corrispondenza della sottostante rotatoria. Le modifiche più impattati sono state programmate nei finesettimana o in orario notturno.

 

In dettaglio nella prima fase (dal 3 al 13 gennaio) sono previsti restringimenti su via di Novoli in ingresso città ma resteranno due corsie a disposizione della circolazione. Il finesettimana successivo, ovvero sabato 15 e domenica 16 gennaio, il cantiere si sposterà sulla rotatoria con una corsia residua per i veicoli sia nella rotonda verso il centro sia su via di Novoli sempre verso il centro. La fase 2 scatterà il finesettimana di sabato 22 e domenica 23 gennaio con restringimenti di carreggiata sui due lati della rotatoria in corrispondenza dell’uscita verso la periferia e dell’ingresso da via di Novoli lato centro città. La terza fase, la più impattante dal punto di vista della circolazione, sarà effettuata in orario notturno in date ancora da definire e comunque entro fine gennaio. In questa fase per effettuare le lavorazioni sarà istituito un restringimento di carreggiata sulla rotatoria all’altezza dell’ingresso da via di Novoli lato centro con una corsia residua per i veicoli diretti verso via Forlanini o via di Novoli.    

 

Riguarderanno invece la sistemazione di alcuni chiusini gli interventi in programma a metà gennaio in viale Morgagni. Si tratta di due interventi puntuali, il primo interamente sui binari e il secondo invece interessa il tratto immediatamente dopo l’incrocio con via Vittorio Emanuele II con un restringimento di carreggiata e obbligo di proseguire a diritto (è quindi vietato la svolta da via Vittorio Emanuele II su viale Morgagni). Questo lavoro è stato programmato nel fine settimana con avvio alle 21 di venerdì 14 gennaio e termine alle 5 di lunedì 17 gennaio.     

 

Al termine di tutte le manifestazioni di Pitti Immagine alla Fortezza, e quindi dal 14 febbraio, saranno effettuati gli interventi sulla pavimentazione in piazzale Bambine e Bambini di Beslan identici a quelli in piazza Stazione con chiusura della corsia di uscita del piazzale su viale Strozzi (corsie lato edifici) e le stesse modalità operative. In questa occasione verranno effettuati i ripristini della porzione restante dell’incrocio tramviario in piazza Adua per i quali è previsto invece il restringimento di carreggiata.  

 

Gli interventi sui binari, realizzati in orario notturno, comporteranno anche modifiche del servizio tranviario. Per info: https://gestramvia.it/

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.