Commisso, sopralluogo al Viola Park a Bagno a Ripoli: i tempi dei lavori

I lavori procedono spediti: 'Sarà un orgoglio per Firenze e per la Fiorentina'

1 Visualizzazioni

martedì 07 settembre 2021 15:13

 

Quattrocento mila euro per la bonifica e la pulizia dell'area che era occupata da una discarica abusiva, oltre un milione di euro per gli scavi archeologici. Adesso i lavori per il Viola Park a Bagno a Ripoli, la nuova casa della Fiorentina, procedono spediti: un investimento che inizialmente doveva essere di 70 milioni, ma che è già arrivato a quota 87, come spiegato oggi dall'architetto fiorentino Marco Casamonti, che ha guidato il sopralluogo al centro sportivo con Rocco Commisso, il figlio Joseph e la moglie Catherine, Joe Barone e la stampa fiorentina.

 

 

"La festa di Natale 2022 la faremo qui al Viola Park", ha detto Casamonti. In realtà, secondo le speranze del presidente viola ma anche secondo il cronoprogramma dei lavori, "con 15 mesi di lavori saranno completati i primi tre edifici, quelli per i giovani, per le donne e il media center, oltre alle ville. Mentre gli edifici per la prima squadra maschile e il resto in 18 mesi". Tempi presi a partire da marzo scorso, quindi il completamento del Viola Park avverrà anche prima rispetto al Natale 2022. Sarà la nuova casa della Fiorentina, la prima infrastruttura di proprietà del club in 95 anni di storia. Campi da calcio per prima squadra, formazione femminile e settore giovanile, spogliatoi, piscina, un laghetto, una cappella ("dove ospiteremo anche i matrimoni"), foresteria, camere da letto. Venticinque ettari totali, con tre lasciati a verde. "Qui faremo anche l'olio di Caterina", dice Commisso.

 

 

I lavori procedono spediti, dopo qualche mese di ritardo iniziale dovuto alla lunga serie di permessi e ai lavori preliminari a livello archeologico e di bonifica. Come detto, alcune strutture sono più avanti con la lavorazione, e la villa centrale (che sarà la struttura hospitality e accoglierà anche la sede della Fiorentina) è praticamente pronta per buona parte: mancano solo gli arredi, specie nelle sale interne.

 

Adesso l'attenzione è anche verso i Comuni di Bagno a Ripoli e Firenze: "Siamo in attesa che il Comune di Bagno a Ripoli espropri il terreno per i parcheggi, e che il Comune di Firenze realizzi la tramvia come opera primaria", ha aggiunto Casamonti. Ovviamente due opere fondamentali per arrivare al Viola Park, che sarà un "punto di ritrovo e un orgoglio per i fiorentini", si augurano da casa Fiorentina. Sembra intanto scongiurato un nuovo ricorso di Italia Nostra, dopo quello presentato qualche mese fa: "Siamo dispiaciuti della polemica di Italia Nostra, è sembrata pretestuosa: tutto quello che facciamo mantiene l'identità del luogo. Costruzioni intorno a spazi verdi. Non è stato compreso il valore paesaggistico del progetto", ha aggiunto l'architetto fiorentino, nato e cresciuto su una collina con vista proprio sul futuro Viola Park.

 

Simbolo di tutto il centro sportivo, la V di Viola e di Vittoria, che ritorna come asse portante delle strutture e non solo: "Una grande V verrà fuori anche dalla disposizione dei campi: dall'alto, con Google Maps, si vedrà questa grande V come segno distintivo", ha evidenziato Casamonti. "Sarà un orgoglio per Firenze e per la Fiorentina", ha concluso Commisso.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.