Afghanistan, Istituto degli Innocenti di Firenze: ‘Pronti ad accogliere madri e bambini in fuga’

La presidente Maria Grazia Giuffrida scrive al Prefetto di Firenze

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 27 agosto 2021 11:42

Le strutture di accoglienza dell’Istituto degli Innocenti sono a disposizione delle madri con bambini in fuga dall’Afghanistan”. Lo scrive Maria Grazia Giuffrida, presidente della più antica istituzione pubblica italiana che da oltre sei secoli difende e promuove i diritti dell’infanzia, in una lettera indirizzata al Prefetto di Firenze.

 

Abbiamo appreso in questi giorni la notizia che la Regione Toscana sta accogliendo profughi provenienti dall'Afghanistan – è scritto nella lettera al prefetto Alessandra Guidi - che saranno dislocati in centri di accoglienza individuati dalla Prefettura. Con la presente sono pertanto a manifestare la disponibilità dell’Ente a contribuire ad accogliere presso la Casa Rondini fino a quattro nuclei di madri e bambini. L’intento dell’Istituto è quello di contribuire allo sforzo di solidarietà che la comunità toscana sta conducendo nei confronti della popolazione afghana”.

 

“I terribili fatti a cui stiamo assistendo ormai da qualche settimana in Afghanistan non possono lasciarci indifferenti – spiega la presidente Maria Grazia Giuffrida – Dal 5 febbraio 1445, giorno in cui venne accolta la piccola Agata Smeralda, l’Istituto opera ininterrottamente in favore dei bambini, delle madri e delle famiglie. Un impegno che si rinnova ogni giorno. Aprire le porte alle persone che stanno vivendo sulla pelle le conseguenze di una tragedia e provare a lenire le loro ferite più nascoste significa per noi adempiere a un compito che, pur col passare dei secoli, appare sempre attuale”.
 

Foto comunicato Istituto degli Innocenti

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.