Giornata mondiale dell’infanzia, illuminati di blu il Loggiato degli Innocenti e le porte storiche di Firenze

L’assessore Funaro: “Firenze è da sempre schierata dalla parte dei più piccoli”

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 20 novembre 2020 19:22

Firenze aderisce alla Giornata mondiale dell’infanzia e riaccende la luce blu sotto il Loggiato dell’Istituto degli Innocenti in piazza Santissima Annunziata e sulle porte storiche della città in occasione dell’iniziativa #TurnTheWorldBlue lanciata da Unicef per celebrare la Giornata mondiale dell’infanzia.

 

Quest’anno la celebrazione vuole porre l’attenzione delle Istituzioni sui diritti dei bambini, in un momento in cui milioni di loro nel mondo stanno subendo gravi conseguenze nel campo della salute, dell’istruzione e del loro benessere fisico e mentale. Attraverso il coinvolgimento di bambini e giovani Unicef auspica che essi possano guidare la rinascita di un mondo migliore a misura di bambino.

 

Alla cerimonia di accensione del Loggiato degli Innocenti hanno partecipato la direttrice del Centro di Ricerca Innocenti dell’Unicef Gunilla Olsson, la presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida, il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, l’assessore a Welfare ed Educazione Sara Funaro, il responsabile tecnico di Silfi spa Claudio Vallario e il direttore generale dell’Istituto degli Innocenti Giovanni Palumbo.

 

L’illuminazione blu del Loggiato degli Innocenti, resa possibile grazie a Silfi spa, insieme a quella delle porte storiche, ha l’obiettivo di ricordare di rinnovare l’impegno assunto il 20 novembre del 1989 con la ratifica della Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti dell’Infanzia, il trattato internazionale più ampiamente ratificato, firmato ad oggi da 196 paesi. L’Italia è stata tra i primi firmatari della Convenzione, riconfermando il suo impegno nei confronti dell’infanzia già precedentemente assunto con la costituzione e il sostegno finanziario dell’Ufficio di Ricerca dell’Unicef a Firenze presso l’Istituto degli Innocenti.

 

Firenze, città a misura di bambino, è da sempre schierata dalla parte dei più piccoli - ha detto Sara Funaro - e anche delle loro madri, come dimostra la lunga e bella storia dell’Istituto degli Innocenti, che da sei secoli si impegna, con risultati eccellenti, nella tutela dei diritti dell’infanzia e si occupa dell’accoglienza di bambini, adolescenti e delle loro fragili madri”.

 

Oggi, i bambini e le bambine di tutto il mondo ci parlano dei problemi che più li preoccupano - ha affermato Gunilla Olsson - In questa Giornata mondiale dell’infanzia molto speciale, mentre affrontiamo una pandemia globale, speriamo che tutti abbiano a cuore quello che bambini e giovani stanno passando e vogliano sfruttare qualunque occasione, virtuale e non, per ascoltare che cosa hanno da dire sulle loro speranze per il futuro. Un augurio e un monito di quanto siano urgenti i bisogni dell’infanzia”.

 

“Come da tradizione l’Istituto degli Innocenti, che da seicento anni lavora per difendere i diritti dei più piccoli, partecipa a questa giornata tramite la luce blu che colora questa sera il loggiato sotto cui si trova la finestrella ferrata, simbolo dell’accoglienza dei bambini - ha detto Maria Grazia Giuffrida - É questo un modo per continuare a dialogare con la città e con i fiorentini anche nel momento che stiamo vivendo. Ricordare i 31 anni della Convenzione Onu è importante per riflettere su quanto resta da fare perché i diritti dei bambini siano rispettati ovunque nel mondo. L’Istituto è al fianco delle istituzioni cittadine, regionali ma anche nazionali e internazionali per supportare le politiche in favore dell’infanzia e dell’adolescenza, ed è vicino alle famiglie con gli strumenti che le nuove tecnologie possono fornirci”.
 

Foto Istituto degli Innocenti

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.