Coronavirus, cluster a Capannori in un centro di accoglienza: 13 positivi

Nessuno degli operatori della cooperativa che gestisce la casa di accoglienza è risultato positivo

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 20 agosto 2020 17:53

Un cluster di Coronavirus a Capannori, in provincia di Lucca. Il cluster di Capannori è legato ad un centro di accoglienza per migranti, come fa sapere l'Ausl Toscana Nord Ovest. Si tratta di stranieri richiedenti asilo, tutti residenti nella stessa struttura. Gli ospiti positivi sono stati isolati all’interno della struttura, mentre quelli risultati negativi al tampone sono stati trasferiti temporaneamente a villa Santa Maria a Maggiano, di proprietà del comune di Lucca e concessa in comodato d’uso alla ASL.

 

L’ex RSA era stata recentemente predisposta per l’accoglienza e l’isolamento fiduciario dei cittadini in rientro da paesi extra Schengen a rischio COVID.


Il sindaco di Capannori Luca Menesini fa sapere che sono tutti asintomatici e che è stato scoperto il primo positivo grazie al fatto che si è sottoposto al test sierologico per motivi di lavoro. "Sono tutte persone che vivono qui da diversi mesi. La Asl ha già eseguito il tampone a tutti i residenti di una casa di accoglienza. L'esito è di 13 positivi, 5 a bassa carica e 8 a carica normale. Nessuno presenta sintomi. Nessuno degli operatori della cooperativa che gestisce la casa di accoglienza è invece risultato positivo: questa è una buona notizia e conferma che le misure anti-contagio che stiamo adottando ci proteggono realmente. La Asl e il Comune stanno gestendo la situazione, hanno già messo in quarantena alcune persone e stanno definendo la sorveglianza del gruppo di positivi", scrive il primo cittadino su Facebook.

 

I CASI DI OGGI IN TOSCANA

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.