Empoli, a fronte di numerose irregolarità viene sequestrata un'area di 3 ettari

Elevate sanzioni per più di 7mila euro

Galleria immagini

1018 Visualizzazioni

lunedì 17 agosto 2020 16:00

I militari sequestrano a Empoli  un'area di più di 3 ettari con serre per la produzione di ortaggi cinesi. Il controllo di un’attività di coltivazione di ortaggi e verdure è stata condotta oggi, Lunedì 18 Agosto, da un’azienda gestita da una cittadina di nazionalità cinese. 

 

Dal controllo è emerso una serie di irregolarità: all’interno dell’area adibita alla coltivazione di ortaggio in serra ed in campo aperto erano presenti numerosissimi rifiuti di varia natura sparsi e parzialmente occultati, riferibili alle attività condotte dall’azienda tra cui anche rifiuti pericolosi costituiti da fitofarmaci scaduti e contenitori degli stessi non bonificati. La titolare dell’azienda non esibiva alcun documento attestante il regolare smaltimento dei rifiuti, questo tenuto conto che l’attività risulta avviata dal 2017.

 

All’atto dell’accertamento erano presenti, intenti a lavorare, cittadini extracomunitari di nazionalità cinese di cui uno privo del permesso di soggiorno ed un cittadino albanese di cui è in corso di verifica la regolarità. Per quelli regolari sul territorio italiano sono in corso verifiche circa la posizione lavorativa, poiché non veniva mostrato il contratto di assunzione.

 

All’interno di una delle serre, secondo quanto riportato nella nota dei militari,  era stato effettuato un cambio di destinazione d’uso del terreno trasformando lo stesso da agricolo a residenziale avendovi realizzato vani tra di loro separati con materiali di fortuna  adibiti a dormitorio ed uno adibito a cucina. I locali in questione versavano in pessime condizioni igieniche e ambientali, senza servizi igienici, acqua corrente potabile e con prolunghe volanti per l'energia elettrica. I locali, per come erano attrezzati, si presume siano utilizzati come alloggi stabili. Per quanto realizzato non esiste nessun titolo autorizzativo.

 

Infine in un locale di libero accesso, del tutto privo dei requisiti di legge erano detenuti numerosi contenitori di fitofarmaci sia integri sia utilizzati, alcuni dei quali revocati, non autorizzati o scaduti.  La titolare dell’azienda non era in grado di mostrare né registro dei trattamenti, né fatture d’acquisto dei fitofarmaci, né patentini per l'utilizzo. Nello stesso locale erano custodite inoltre sementi contenute in confezioni riportanti esclusivamente iscrizioni in lingua cinese. Le coltivazioni in atto erano per la gran parte di specie esotiche. Non vi era tracciabilità delle sementi, nè alcuna documentazione di acquisto delle stesse poiché importate dalla Cina, ma in assenza di documentazione doganale e fitosanitaria. Le sementi inoltre non erano certificate. Per questa tipologia di illecito è stata elevata una sanzione amministrativa di Euro 2.000,00 per introduzione nel territorio italiano di sementi in assenza di documentazione fitosanitaria. Sono state sequestrate amministrativamente tutte le sementi presenti.

 

Il personale ARPAT valuterà le modalità più idonee per  il campionamento delle matrici ambientali al fine di verificare eventuale contaminazione da fitofarmaci.  Il personale dell’ASL Igiene degli Alimenti ha proceduto al campionamento degli ortaggi e delle verdure poste in commercio al fine di verificare la presenza di tracce di fitofarmaci sugli stessi. Ha inoltre impartito prescrizioni per la mancanza di igiene dei luoghi di produzione e detenzione degli ortaggi.

 

Il Personale dell’ASL Prevenzione sui Luoghi di lavoro ha rilevato illeciti ed ha proceduto ad elevare prescrizioni.

 

Personale dell’ASL Veterinaria ha proceduto ad elevare sanzione amministrativa per mancanza di codice aziendale necessario alla detenzione degli animali da cortile e prescrizioni in merito alle modalità di detenzione degli animali ed al rischio “influenza aviaria”.

 

I militari per tutte le irregolarità riscontrate hanno denunciato la titolare dell’attività di coltivazione di ortaggi e verdure per i reati di Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine; gestione illecita di rifiuti pericolosi e non pericolosi; Abusi edilizi; Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro e Occupazione di stranieri privi di permesso di soggiorno.

 

Al fine di evitare che le conseguenze del reato fossero aggravate o protratte, ovvero che siano commessi altri reati, i militari hanno proceduto al sequestro penale preventivo d’iniziativa dei terreni in uso alla ditta oggetto di coltivazione, dei rifiuti e del manufatto abusivo. L’area sottoposta a sequestro ha un’estensione di 33.048,00 mq.

 

Inoltre in applicazione al T.U.A. (Testo Unico Ambientale) sono state elevate sanzioni amministrative di Euro 7.500,00 e per l’utilizzo di fitofarmaci non autorizzati o revocati l’importo della sanzione va da 15.000,00 a 150.000,00 Euro.

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.