Esplosione a Beirut, Nardella: 'Vicinanza alla popolazione, Firenze pronta ad inviare aiuti'

Rossi: 'La Regione si mette a disposizione'

Galleria immagini

1408 Visualizzazioni

mercoledì 05 agosto 2020 09:13

Una terribile esplosione ha colpito Beirut, capitale del Libano, ieri sera, intorno alle 18. Ad ora si contano oltre 100 morti e più di 4 mila feriti. Secondo il governo libanese, a provocarla sarebbe stato un incendio in un deposito nel porto dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrate diversi anni fa da una nave.

 

"Esprimo la mia totale vicinanza e solidarietà alla popolazione di Beirut e all’amico sindaco Jamal Itani per la terribile esplosione. Firenze è pronta a inviare aiuti alla capitale del Libano", scrive su Instagram il sindaco di Firenze Dario Nardella.

 

"Le terribili esplosioni a Beirut hanno causato decine e decine di morti e migliaia di feriti. La città era già allo stremo, per la crisi finanziaria, per la mancanza di cibo e per l’esplosione della pandemia. Ora l’Europa intervenga e sia amica e umana e concretamente vicina a quel popolo martoriato", aggiunge il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi.

 

"Oggi stesso noi, come Regione Toscana , ci mettiamo a disposizione del governo italiano per fare ciò che è possibile e ci sarà richiesto. Sono stato a Beirut un anno fa, a trovare mio figlio che lavorava in quella città per un progetto di cooperazione. Non avevo rinvenuto quella che viene ancora chiamata la Parigi del medio oriente. Vi avevo invece visto molti segni di una guerra civile che dura ormai dal 1958, molta distruzione, molta sofferenza e disperazione e paura. Non riesco neppure ad immaginare cosa può essere oggi quella città dopo quanto è avvenuto, a sole tre ore di aereo da noi".

 

"Ho parlato con il console del Libano Charbel Chbeir per trasmettergli le condoglianze del popolo fiorentino verso il popolo di Beirut", ha aggiunto Nardella in tarda mattinata. "Il Console, che è in costante contatto con il governo libanese, mi ha riferito che la situazione è drammatica e la capitale è praticamente distrutta. C’è bisogno di tutto: aiuti sanitari, macchine e squadre per la rimozione di macerie, cibo. Ho garantito il massimo impegno della città di Firenze attraverso la protezione civile. La vicesindaca Cristina Giachi coordina gli interventi di aiuto in collegamento con le autorità nazionali. Ho anche inviato un messaggio al sindaco di Beirut Jamal Itani. Noi ci siamo. Ora più che mai dobbiamo dimostrare questa amicizia ai nostri fratelli cittadini di Beirut che stanno vivendo nell’inferno".

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.