Nardella lancia un patto antirazzista. I negozianti: 'Un logo simbolo da esporre sulle vetrine'

Cronaca
14/11/2019

Le proposte dopo gli ultimi casi a Firenze

E' stato il sindaco di Firenze, Dario Nardella, a proporre ieri un 'patto antirazzista' che coinvolga tutta la città di Firenze. "La targa di Idy Diene imbrattata, il pestaggio alle Cure, la scorta a Liliana Segre, gli arresti nel gruppo di estrema destra: c’è un filo rosso che unisce gli eventi. È arrivato il momento di un patto antirazzista che coinvolga tutta la città!", scrive il primo cittadino su Facebook.

 

Dai commercianti arriva la prima risposta: "Creiamo un logo simbolo di solidarietà da esporre sulle vetrine di Firenze”, dicono dalla Confartigianato. "Un logo che diventi un'affermazione forte e chiara di antirazzismo e di solidarietà. Un simbolo da studiare al più presto, di comune accordo con tutte le categorie economiche di Firenze, e che dalle vetrine di negozi e botteghe, nei mercati e nei centri di aggregazione dichiari a cittadini e turisti che rifiutiamo qualsiasi forma di odio", dice Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Firenze, che si dice pronto a raccogliere l'invito del sindaco di Firenze, Dario Nardella, a dare vita a un “patto sociale anti-razzista”.

 

Sorani lancia un appello a tutte le associazioni di categoria: "Incontriamoci subito, mettiamoci al lavoro. Non possiamo rimanere immobili davanti ai numerosi atti di intolleranza e discriminazione che si sono verificati in Toscana nelle scorse settimane. Contro odio, razzismo e antisemitismo anche le categorie economiche possono fare molto. L'artigianato - conclude Sorani - è da sempre strumento di integrazione linguistica e sociale. Non solo perché abbatte le barriere culturali ma anche perché offre un lavoro concreto a chi arriva nel nostro Paese. L'artigianato fiorentino, inoltre, è la dimostrazione di come la fusione delle culture e degli stili delle lavorazioni abbia sempre portato innovazione e interessanti sviluppi dal punto di vista delle lavorazioni e del design".

 

Giacomo Martelli, presidente delle Acli (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani) della Toscana commenta: "Noi ci siamo e faremo tutto il possibile per combattere qualsiasi forma di razzismo. Condividiamo la preoccupazione del sindaco Dario Nardella e siamo con lui nella costruzione di un patto educativo e anti-razzista che coinvolga la città a più livelli. Ma non solo, siamo convinti che questa esperienza debba riguardare tutta la Toscana”.

 

“La situazione è allarmante. Anche un solo episodio, anche una sola vittima, è grave - continua Martelli -  Come Acli abbiamo più volte ribadito da che parte stiamo, prendiamo sempre una posizione chiara e ci  impegniamo ogni giorno a contrastare con i mezzi a nostra disposizione l’intolleranza e l’ignoranza. Lo faremo con ancora più intensità, forti della collaborazione e del sostegno di tutti. I cittadini di Firenze e della Toscana hanno dimostrato di saper reagire agli attacchi razzisti con i fatti e noi partiamo da qui, dalla consapevolezza di avere dalla nostra la volontà e la conoscenza per arginare e reagire al razzismo che preoccupa, dai social alla vita reale”.

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.