Lastra e Signa per le Olimpiadi Firenze-Bologna: 'Qui canottaggio e mountain bike'

Le Signe
09/10/2019

I sindaci Fossi e Bagni sostengono l'idea Olimpiadi 2032

Continua ad evolversi l'idea delle Olimpiadi 2032 a Firenze e Bologna. Oggi arriva il sostegno dei sindaci di Lastra a Signa e Signa, Giampiero Fossi e Angela Bagni. “Appoggiamo pienamente l’idea del sindaco di Firenze Dario Nardella di candidare Firenze e Bologna come sedi delle Olimpiadi del 2032 e, proprio nell’ottica di un’organizzazione dei giochi diffusa su tutto il territorio che lo valorizzi sfruttando tutte le potenzialità che questo offre, proponiamo i laghi dei Renai per il canottaggio e le bellissime strade bianche delle colline lastrigiane per il mountain bike”.

 

I due sindaci di Lastra a Signa e Signa non solo credono fortemente nel progetto delle olimpiadi sul territorio ma sono anche certi che, per riuscire ad arrivare all’obiettivo, serva un’unione di intenti, a partire da tutti i territori limitrofi a Firenze. “Ecco quindi perché –continuano Bagni e Fossi- da parte nostra piena disponibilità ad offrire non solo il nostro territorio e i suoi splendidi scenari ma anche i nostri impianti”.
 

“I laghi dei Renai - ha aggiunto il sindaco di Signa Giampiero Fossi - e in particolar modo la stecca remiera nel lotto 1 possono essere sede ideale per le gare del canottaggio viste le ottime condizioni ambientali del campo di gara”.
 

“Le colline lastrigiane – ha sottolineato il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni -, a ridosso del Chianti e allo stesso tempo a un passo dalla città di Firenze, offrono una serie di strade bianche e sali-scendi adatti per uno spettacolare circuito di mountain bike che potrebbe attraversare anche l’incantevole giardino di Villa Caruso”.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.