Anniversario della morte di Dante, Nardella a Ravenna per le celebrazioni

Cronaca
09/09/2019

Ogni anno Firenze dona e accende l’olio sulla tomba di Dante, segno di riconciliazione e amore

Firenze, rappresentata dal sindaco Dario Nardella e dall'assessore alla cultura Tommaso Sacchi, ha partecipato ieri, domenica 8 settembre, a Ravenna alle celebrazioni del 698esimo anniversario della morte di Dante Alighieri. 

 

Dopo il corteo storico e la prolusione alla Biblioteca Classense, affidata alla professoressa Lucia Battaglia Ricci, c'è stata la declamazione del canto II del Purgatorio da parte di Sandro Lombardi e successivamente la Messa presieduta dal cardinale Giuseppe Betori nella Basilica di San Francesco, fa sapere il Comune di Firenze in un comunicato. 

 

Infine, la cerimonia dell'offerta dell'olio al Sepolcro di Dante da parte del Comune di Firenze. "La cerimonia dell'olio - ha dichiarato il sindaco - è un gesto di grande valore simbolico e di riconciliazione verso il Poeta. Ricordo che già 29 anni dopo la morte di Dante, i Capitani di Orsanmichele inviarono Boccaccio da Firenze a Ravenna con 10 fiorini d'oro che furono consegnati a suor Beatrice, figlia di Dante, segno già allora che la città natale voleva ritrovare un rapporto con quel suo figlio così illustre". 

 

"Mancano due anni all'appuntamento con il 700esimo anniversario dantesco - ha aggiunto Nardella - e Firenze e Ravenna, con l'amico sindaco Michele De Pascale, lavoreranno fianco a fianco per un programma culturale di grande livello per ricordare il Sommo Poeta, a partire dalla lingua italiana, che grazie a lui si è diffusa e ha creato i presupposti perché l'Italia diventasse Nazione". 
 

Foto tratte dal profilo Twitter di Dario Nardella

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.