Oncologia, manca un farmaco e si blocca la terapia. Rossi: 'Toscana a caccia del farmaco'

Cronaca
04/07/2019

Le parole del presidente della Regione

"Il servizio sanitario nazionale è un bene comune che va tutelato. Bisogna che tutte le forze politiche affrontino questo tema. Noi, come Toscana, siamo disposti a dare una mano, ma è necessario che la ministra Grillo si impegni in prima persona perché il sistema sanitario è, appunto, nazionale e l'impegno delle singole Regioni non basta".

 

Sono le parole del presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, dopo aver appreso della mancanza di un farmaco, la molecola mitomicina (utilizzata per la prevenzione delle recidive nel tumore della vescica), necessaria per portare avanti le terapie di 25 pazienti oncologici a Careggi (Firenze) ed altri a Pisa, come spiega la Regione in una nota.

 

"Non ci saremmo mai dovuti trovare in questa situazione: ospedali privi di farmaci per le cure oncologiche - continua Rossi - Già il Piemonte ha fatto un esposto alla Procura della Repubblica per verificare se ci sono aspetti di rilevanza penale e se la salute dei cittadini è stata messa a rischio per ragioni speculative. Adesso anche la Toscana darà mandato all'Avvocatura di fare lo stesso. Nel frattempo ho dato mandato ad Estar, l'agenzia che si occupa delle forniture per tutte le strutture sanitarie pubbliche toscane, di dare il via ad una vera e propria 'caccia al farmaco' in tutta Europa per fronteggiare la situazione".

 

"Si provveda, si facciano leggi urgenti, si mandino i Nas se ci sono elementi che fanno pensare ad azioni speculative da parte dei grossisti del farmaco - ha detto Rossi - ma il Servizio sanitario nazionale, e sottolineo nazionale perché questo problema non riguarda solo la Toscana ma tutta Italia, è a corto di farmaci oncologici di vecchia generazione e questa è una situazione insostenibile. Questo significa mettere a rischio la salute dei cittadini, costringere pazienti oncologici ad interrompere le cure in atto con pregiudizio per il processo di guarigione. Dalle parole di tanti esperti del settore si evince che sono in atto delle speculazioni sul costo dei farmaci e lo Stato resta immobile. Vi pare possibile che grossisti e farmacie private italiane vendano all'estero la mitomicina ad un prezzo 10 volte superiore a quello concordato in Italia per il SSN? E che nessuno faccia niente per frenare questo commercio parallelo sulla pelle dei pazienti e dei malati? Lo Stato agisca, il ministro agisca. Perché in questo settore il mercato non può regolarsi da solo, la libera circolazione delle merci collide con le cure essenziali che il SSN deve garantire ai pazienti oncologici".

 

"Già a gennaio l'AIFA aveva comunicato una lista di farmaci a rischio, per i quali si registrava una inadeguata fornitura. Tra questi ci sono anche alcuni farmaci non sostituibili. Si cerchino i farmaci all'estero, dovunque. E se le multinazionali speculano e ritirano i farmaci più vecchi e meno costosi dal mercato per poterne inserire altri nuovi e più costosi, si facciano una legge e dei contratti che obbligano i fornitori, nel momento in cui introducano farmaci nuovi, a garantire anche la sopravvivenza di quelli vecchi per la continuità delle cure. Se ci sono grossisti che comprano i farmaci ma poi li rivendono all'estero perché lì non'è l'AIFA che regola i prezzi e le medicine costano di più, si trovi il modo per impedire che questo accada. Anche discutendo con l'Europa se c'è un proble ma di libera circolazione delle merci".

 

Il presidente ha poi concluso: "Prendo atto con dolore della deriva che sta prendendo il Sistema sanitario nazionale, dova da un lato mancano gli specialisti, dall'altro mancano i farmaci. E nonostante questo il Governo ancora non avvia provvedimenti per reperire questi medicinali, né programma in maniera efficace le specializzazioni: giusto ieri c'è stato il concorso per le selezioni degli specializzandi: hanno partecipato 18.000 giovani medici per 8.000 posti nelle specializzazioni. Solo 8.000, così avremo 10.000 medici in giro, non specializzati, mentre negli ospedali mancano i professionisti".

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.