Firenze, i Musei del Bargello gratuiti il 25 aprile

Arte
23/04/2019

Museo Nazionale del Bargello, Cappelle Medicee e Palazzo Davanzati

I Musei del Bargello organizzano una giornata di ingresso gratuito per giovedì 25 aprile, nell’ambito del programma del Ministero per i beni e le attività culturali #IOVADOALMUSEO. Un modo per avvicinare un numero più ampio di visitatori all’arte e celebrare la Festa della Liberazione offrendo la possibilità di visitare gratuitamente le principali realtà facenti parte del circuito: il Museo Nazionale del Bargello, il Museo delle Cappelle Medicee e Palazzo Davanzati.

 

Il Museo Nazionale del Bargello, dove è possibile ammirare il David o il San Giorgio di Donatello, resterà aperto dalle 8.15 alle 17.00. Inoltre il Museo offre anche la possibilità di visitare gratuitamente anche la sezione speciale della mostra “Verrocchio, il maestro di Leonardo” che raccoglie insieme per la prima volta celebri capolavori di Verrocchio e opere capitali dei più famosi artisti della seconda metà del Quattrocento legati alla sua bottega.

 

Anche il Museo delle Cappelle Medicee, aperto dalle 8.15 alle 14.00, sarà visitabile gratuitamente. Un’occasione in più per osservare gli ultimi lavori di restauro, da poco terminati, che hanno interessato la Sagrestia Nuova di Michelangelo, artista fiero del suo valore e orgoglioso della propria libertà intellettuale.

 

Nello stesso orario, dalle 8.15 alle 14.00, si potrà accedere gratuitamente anche nel Museo di Palazzo Davanzati, la dimora storica abitata da quelle famiglie di artigiani e commercianti che, nel Medioevo, furono artefici e protagoniste della libera Repubblica fiorentina. Un luogo ove compiere un viaggio a ritroso nel tempo e attraverso il quale riscoprire la storia di Firenze tra Medioevo e Rinascimento.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.