Vis Art

La bici rubata ha un gps installato: ritrovata dalla polizia che arresta un 32enne per furto

Un alert sul telefono del proprietario ha fatto partire le ricerche del mezzo

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 29 novembre 2022 17:29

A tradire un cittadino senegalese di 32 anni, domenica pomeriggio, è stato un minuscolo tracker Gps che il padrone di un mezzo a due ruote aveva installato sulla sua preziosa mountain bike elettrica, del valore commerciale di quasi 3000 euro.

 

Intorno alle 16.15 un “Alert” sullo smartphone lo ha avvisato che qualcuno aveva portato via la bici da viale Fratelli Rosselli, dove un’oretta prima era stata legata con una catena ad un palo. Il proprietario ha quindi chiamato la Sala Operativa della Polizia che ha mobilitato una volante di via Zara per le ricerche. Gli agenti, tramite un App dedicata, hanno localizzato la bici nei pressi della fermata della tramvia all’interno del parco delle Cascine.

 

Alla vista della “pantera” il 32enne in sella alla bici rubata, ha cambiato repentinamente senso di marcia, cercando poi invano di darsi alla fuga. Una volta fermato, quest’ultimo ha iniziato a spintonare i poliziotti che sono comunque riusciti a bloccarlo. Addosso aveva anche tutta una serie di tessere fedeltà dei più svariati esercizi commerciali e per le quali sono ora in corso accertamenti sulla loro provenienza.

 

La bicicletta è stata invece restituita al legittimo proprietario. La Polizia di Stato ha infine effettuato tutta una serie di accertamenti tecnici che collocherebbero l’indagato proprio sul luogo del delitto al momento del furto, circostanza per la quale l’uomo, peraltro già noto alle Forze di Polizia, è finito in manette con l’accusa di furto aggravato oltre che per resistenza a pubblico ufficiale. 

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.