Firenze, arrestate tre persone per assalti agli sportelli bancomat

Furti con lo stesso modus operandi

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 29 novembre 2021 09:19

Furti aggravati con l’utilizzo di esplosivi nei bancomat di Firenze e provincia si sono conclusi con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone.

 

Le indagini, dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze, supportati dai colleghi delle Compagnie di Foggia e Cerignola, sono iniziate dopo l’esplosione del bancomat della filiale fiorentina della “Monte dei Paschi di Siena” di via Pistoiese, avvenuta la notte del 27 ottobre scorso. In quella circostanza, come emerso dalle telecamere di videosorveglianza dell’istituto di credito, due uomini travisati con passamontagna, utilizzando un involucro di metallo a forma di “T” contente esplosivo, la cosiddetta “marmotta”, introdotta all’interno dello sportello ATM, lo hanno fatto esplodere, asportando tutto il denaro contenuto, ammontante a diverse decine di migliaia di euro

 

L’analisi sugli impianti di videosorveglianza e di lettura targa presenti sul territorio, e le verifiche sulle persone alloggiate nelle strutture ricettive della zona, hanno consentito di accertare che i responsabili del fatto, tre persone della provincia di Foggia, erano giunti in trasferta a Firenze con un’autovettura presa a noleggio, alloggiando in un Bed&Breakfast. I tre uomini avevano effettuato sopralluoghi delle aree da colpire e delle relative vie di fuga da utilizzare dopo il furto. Poche ore prima dell’assalto, avevano inoltre rubato in zona un’autovettura con cui avevano raggiunto il bancomat, per non essere individuati. In meno di tre minuti i tre, inserito l’esplosivo all’interno della fessura dell’ATM e innescando la miccia, erano riusciti ad impadronirsi dei contanti presenti all’interno. Per eludere le Forze dell’Ordine, avevano spento i propri telefoni cellulari per tutta la durata dell’azione e utilizzato strade secondarie per la fuga, abbandonando il veicolo rubato prima di ritornare in provincia di Foggia. L’automobile era stata poi rinvenuta abbandonata nel comune di Signa, con all’interno, una banconota da 20 euro con tracce di inchiostro antirapina del tipo utilizzato nei dispositivi bancomat. 

 

Nel corso delle indagini è stato poi accertato che lo stesso gruppo si era reso responsabile del tentativo di furto tramite esplosione del dispositivo ATM dell’Ufficio Postale in località Cerbaia, nel Comune di San Casciano in Val di Pesa, nella notte del 7 novembre scorso. I tre uomini, con lo stesso modus operandi, dopo sopralluoghi ad alcuni bancomat e dopo aver rubato un’autovettura, avevano fatto deflagrare un sistema esplosivo uguale a quello adoperato nella precedente rapina, non riuscendo però a rubare il contenuto della cassaforte e dovendo fuggire.

 

Per quest’ultimo episodio, grazie ai servizi preventivi di controllo del territorio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Firenze erano riusciti immediatamente a localizzare i fuggitivi che, con l’ausilio della Polizia Stradale di Arezzo, venivano fermati sull’autostrada A1, in provincia di Arezzo. Una volta perquisiti, erano stati trovati in possesso di arnesi utilizzati per aprire lo sportello bancomat, parte di una miccia, passamontagna e numerose banconote macchiate dall’inchiostro antirapina e, pertanto, sottoposti a fermo di indiziato di delitto.

 

Tutte le evidenze investigative raccolte hanno consentito alla Procura della Repubblica di Firenze di richiedere e ottenere l’emissione dell’odierna ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 37enne di Orta Nova (Foggia), pluripregiudicato per reati specifici, del nipote 22enne e di un 36enne di Stornara (Foggia). I tre dovranno rispondere di furto e tentato furto aggravato ai danni di istituti bancari/postali, detenzione e porto in luogo pubblico di ordigni esplosivi e furto aggravato di autovetture. 

 

Sono in corso ulteriori accertamenti volti a verificare l’eventuale coinvolgimento dei tre uomini in analoghi episodi avvenuti in provincia di Firenze nell’ultimo periodo. 
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.