A Firenze la campagna nastro rosa per la prevenzione dei tumori

Da Rocio Rodriguez Reina il messaggio a tutte le donne fiorentine: “Controllatevi”

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 01 ottobre 2021 13:17

Anche Rocio Rodriguez Reina, moglie dell'ex centrocampista di Fiorentina e Inter Borja Valero, ha partecipato all'evento di oggi, 1 ottobre, “LILT for Women - Campagna nastro rosa”, promosso dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) con l'obiettivo di sensibilizzare sull'importanza della prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori alla mammella.

 

Dalle ore 10 la Lilt Firenze ha offerto visite senologiche gratuite, in piazza della Repubblica, sull'unità mobile dell'Associazione: l'iniziativa si è svolta grazie al patrocinio del Comune di Firenze. Oltre al 1 ottobre, sono previste altre date presso la Misericordia di Fiesole. Prenotazioni allo 055/576939. 
 

Rocio Rodriguez Reina ha voluto così sensibilizzare le donne sull'importanza della prevenzione. Anche il presidente della LILT Firenze Alexander Peirano ha partecipato all'evento. “La prevenzione è fondamentale - ha affermato Rodriguez -. Purtroppo col Covid abbiamo un po' trascurato alcuni aspetti della salute, come quello di fare questo tipo di visite. Avere una diagnosi precoce per questo tipo di problematiche può essere decisivo. Mando un messaggio a tutte le donne di Firenze: fatevi controllare e venite a questa bella iniziativa”. 
 

“Il servizio sanitario regionale e fiorentino - ha aggiunto Peirano - mostra le cicatrici di una polarizzazione inevitabile in relazione al Covid, c'è un ritardo nella prevenzione. Come istituzioni e volontariato abbiamo il compito di colmare questo gap che si è creato, riportando la prevenzione a un livello di attenzione primario. Inoltre voglio aggiungere che si deve utilizzare la sanità quando c'è una reale necessità, altrimenti le persone vengono sottoposte a esami inutili ed è uno spreco di tempo e risorse economiche. Come LILT cerchiamo di indirizzare le persone che hanno problemi e che potrebbero avere un peggioramento: in quel caso la prevenzione è fondamentale”. 
 

Inoltre stasera, come simbolo della Campagna di sensibilizzazione, si tingerà di rosa la Fontana del Nettuno per focalizzare l'attenzione sull'importanza vitale della prevenzione. A partire dalle 19.30, saranno illuminate di rosa anche le sei porte storiche della città, Porta San Niccolò, Porta San Frediano, Porta San Gallo in piazza della Libertà, Porta a Prato, Porta Romana e Porta alla Croce in piazza Beccaria. Le speciali illuminazioni saranno visibili stasera grazie alla straordinaria disponibilità del Comune di Firenze, in collaborazione con Firenze Smart, che da anni sostengono la LILT.

 

“Firenze è schierata in prima fila nella lotta contro il tumore al seno - ha affermato l'assessore a Welfare e presidente della Società della Salute del Comune di Firenze Sara Funaro - e aderiamo con immenso piacere a ‘Lilt for Women - Campagna nastro rosa’, campagna molto importante per sensibilizzare le donne su quanto sia fondamentale la prevenzione, che aiuta a prevenire la malattia per poterla così curare. La prevenzione salva la vita”. “Oggi come oggi nella maggior parte dei casi il tumore viene sconfitto, da questa terribile malattia si può guarire e questo è grazie alla ricerca scientifica e alla medicina che hanno fatto notevoli progressi e alla prevenzione. Fronte quest’ultimo, sul quale la Lilt sta facendo un grande lavoro, come lo fa per quello che riguarda la ricerca, la diagnosi precoce, l’assistenza, la riabilitazione e l’educazione sanitaria. Non si può fare a meno della Lilt e non ne possono fare a meno i malati di tumore e le loro famiglie. Ringraziamo l’associazione per tutto quello che fa giorno dopo giorno e per il prezioso supporto che offre prima, durante e dopo la malattia oncologica”.

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.