Prato libera dallo sfruttamento, manifestazione dei lavoratori Texprint. Gkn ci sarà

Si Cobas: 'Negata autorizzazione a manifestare in piazza del Comune'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 06 settembre 2021 12:59

Avrebbe dovuto tenersi oggi, lunedì 6 settembre, nel giorno della Liberazione di Prato, in piazza del Comune, la manifestazione "Prato libera dallo sfruttamento", in sostegno alla lotta dei lavoratori Texprint. Ma il Comitato per l'Ordine e la Sicurezza ha deciso di vietarne lo svolgimento in piazza del Comune. 

 

E' quanto fa sapere Si Cobas Prato e Firenze, organizzatore dell'evento. "Il motivo non poteva essere più pretestuoso: pericolo assembramenti. Non c'è bisogno di commentare. Impossibile non notare che le istituzioni abbiamo avuto il tempo di riunirsi in Prefettura per benedire il divieto a manifestare, dopo aver rifiutato la convocazione del tavolo interistituzionale richiesto con lo sciopero della fame dai lavoratori della Texprint", si legge sulla pagina Facebook dell'organizzazione sindacale.


"Il divieto è politico ed è stato notificato a meno di 24 ore dalla manifestazione. Non ci stupiamo: è da venerdì scorso, da dopo il vergognoso sgombero degli operai Texprint, che Piazza del Comune è sotto occupazione militare di blindati e volanti di polizia, carabinieri e guardia di finanza. La denuncia dello sfruttamento selvaggio al Macrolotto sono incompatibili con l'"ordine pubblico". Perché evidentemente l' "ordine", per chi la governa questa città, deve continuare ad essere quello dei turni di lavoro 12-14 ore al giorno e del lavoro nero e la "sicurezza" quella che porta centinaia di operai a perdere le dita e mutilarsi in copri in fabbrica".
 

"Firenze, nel giorno della Liberazione, dava la sua Piazza della Signoria ai lavoratori della GKN che da lì in cinquemila sfilavano in corteo per il centro città. E noi eravamo, come sempre, con loro. Questa invece è Prato. Che tutto questo avvenga nel giorno della ricorrenza della Liberazione della città lo rende ancora più paradossale". 


"La Questura ha autorizzato il concentramento della manifestazione in piazza delle Carceri. L'appuntamento è lì alle 18:30. Giunta Comunale, Prefettura e Questura fanno la guerra agli sfruttati, e non agli sfruttatori.  Ma è troppo tardi. Non si può zittire l'urlo di riscatto che si alza dal Macrolotto. Il re è nudo. Solo un motivo in più per scendere tutti in piazza oggi. Pacificamente e con la determinazione di sempre".

 

Non mancheranno lavoratori e lavoratrici Gkn. "Apprendiamo ora del divieto a manifestare stasera in piazza del Comune a Prato ai lavoratori Texprint. Questo divieto arriva nel giorno della Liberazione di Prato. La disparità di trattamento tra noi e questa vertenza ci risulta semplicemente intollerabile. Gkn stasera ci sarà", fanno sapere dal Collettivo di fabbrica. 

 

"La vertenza Gkn non è mai stata e mai sarà corporativa o particolaristica. Non è che siamo mossi da chissà quale spirito nobile. Il nostro è un riflesso molto più banale e primordiale: se ci toccate la famiglia, noi reagiamo. Solo che la nostra famiglia non sono solo parenti, partner o figli. La nostra famiglia sono i colleghi, i volontari dell'Anpas, le lavoratrici e i lavoratori dei Gigli, i vigili del fuoco ecc. Sono tutti coloro che sono passati a darci solidarietà o che semplicemente vivono la nostra stessa condizione. La nostra comunità è la nostra famiglia. La nostra famiglia sono i ragazzi di Texprint".

 

LEGGI ANCHE

Prato, lavoratori Texprint iniziano lo sciopero della fame: presidio davanti al Comune

Prato, sgomberato il presidio degli operai Texprint in sciopero della fame

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.