Firenze, street art in carcere: 'La scritta che buca', un murale sulla facciata del Gozzini

Artista e detenuti hanno dipinto un grande murale alla casa circondariale Mario Gozzini

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 24 giugno 2021 16:12

'La scritta che buca': è il titolo del murale che sarà inaugurato nelle prossime settimane alla casa circondariale Mario Gozzini di Firenze. Nei giorni scorsi si è svolto il sopralluogo dell’assessore alle politiche giovanili Cosimo Guccione e del presidente del Quartiere 4 Mirko Dormentoni.


Il progetto della cooperativa Cat, cofinanziato dalla Fondazione Cr Firenze e dal Comune, ha visto protagonisti l’artista Nico Lopez Bruchi e i detenuti del Gozzini che hanno dipinto non solo un murale sui 100 metri della facciata principale esterna ma anche gli spazi interni che ospitano la didattica. Al Gozzini i lavori erano cominciati alla fine del mese di novembre.


“Sono particolarmente felice di questa nuova opera d'arte urbana, che arricchisce la nostra città – ha dichiarato l'assessore Guccione – perché costruita a partire da una coprogettazione fra collettivo Edf crew e detenuti. Un opera che, immaginando un percorso di redenzione ricco di simboli come il viaggio, la meta e l'equilibrio, sottolinea il valore sociale e educativo dell'arte”. 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.