Dpcm, divieto spostamenti tra comuni a Natale. Negozi aperti fino alle 21. Le nuove misure

Conte: 'Curva scende ma serve attenzione, per questo restrizioni dal 21 dicembre al 6 gennaio'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

giovedì 03 dicembre 2020 20:39

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato in conferenza stampa questa sera, in merito alle misure adottate in materia di Covid 19, illustrando il nuovo Dpcm, in vigore dal 4 dicembre e che regolerà quindi il periodo delle feste natalizie.

 

Spostamenti, coprifuoco, aperture di ristoranti e negozi... Sono tante le domande che gli italiani si sono posti in questi giorni su come sarà il periodo del Natale 2020, domande a cui il Governo risponde con questo Dpcm. Il Natale in tempo di Covid sarà con spostamenti molto ridotti e il divieto di uscire dal proprio comune nei giorni del 25 e 26 dicembre. Resta il sistema delle regioni gialle, arancioni e rosse.

 

Conte inizia parlando della curva dei contagi, in discesa. "Continueremo ad applicare il sistema che prevede le regioni colorate, sistema che sta funzionando e si sta rivelando efficace. Questo meccanismo ci permette di dosare i nostri interventi, adottando misure differenziate a livello locale, proporzionate al livello di rischio del territorio. Nel giro di un mese abbiamo piegato la curva dei contagi, riportando l'Rt sotto l'1, attualmente a 0.91. Registriamo un calo del numero degli accessi ai pronto soccorso e nelle terapie intensive. Continuando così è ragionevole pensare che nel giro di settimane tutte le regioni saranno gialle. E' un risultato significativo, considerando che anche nelle zone rosse gli uffici e le fabbriche sono aperte, e i piccoli vanno a scuola. Stiamo evitando un lockdown generalizzato".

 

"Questi risultati ci confortano ma c'è un fattore che non può farci abbassare la guardia. Se affrontassimo il periodo natalizio con le misure delle aree gialle questo periodo sarebbe inevitabile una nuova impennata della curva del contagio, per questo dobbiamo mettere nuove restrizioni, dal 21 dicembre al 6 gennaio. La strada è ancora lunga, dobbiamo scongiurare il rischo di una terza ondata che potrebbe essere ancora più dura".

 

Spostamenti. "Dal 21 dicembre al 6 gennaio sono vietati tutti gli spostamenti tra regioni, anche per raggiungere le seconde case. Nei giorni di 25, 26 dicembre e primo gennaio sono vietati gli spostamenti tra comuni. Resta divieto di spostarsi tra le 22 alle 5, divieto esteso fino alle 7 del mattino del primo nella notte di Capodanno. Sempre concessi spootamenti per salute e casi di necessità, casi in cui ricorre il prestare assistenza a persone non autosufficienti. Sempre consentito il rientro nel comune in cui si ha residenza, domicilio o abitazione".

 

Rientri dall'estero. "Gli italiani che vanno all'estero per turismo nel periodo dal 21 al 6, al rientro dovranno sottoporsi alla quarantena, ma anche i turisti stranieri dovranno farla. Gli impianti sciistici saranno chiusi fino al 7 gennaio, e dal 21 al 6 sospese le crociere".

 

Scuola. "Dal 7 gennaio riprende la didattica in presenza delle scuole superiori di secondo grado".

 

Bar e ristoranti. In area gialla sempre aperti a pranzo, anche nel giorno di Natale e per Santo Stefano. Nelle aree arancioni e rosse aperti solo per asporto dalle 5 alle 22, semore possibile la consegna a domicilio.

 

Cene e veglioni. "Per quanto riguarda i festeggiamenti in casa, noi non possiamo entrare nelle case delle persone e imporre limitazioni, possiamo limitarci solo a forte raccomandazione di non ricevere a casa persone non conviventi. E' una cautela essenziale per noi stessui e per proteggere i nostri cari".

 

Alberghi aperti ma nella sera di capodanno non si potranno fare veglioni e cene, dalle 18 consentita solo consegna in camera.

 

Negozi Dal 4 dicembre al 6 gennaio i negozi potranno restare aperti fino alle 21. I centri commerciali restano chiusi nei fine settimana (salvo alcune categorie), dal 4 dicembre al 15 gennaio.

Parte il piano extra cashback di Natale per sostenere i negozi, un piano che prevede che chi paga con carte e app avrà un rimborso del 10%, fino a 150 euro, su ogni acquisto effettuato fino al 31 dicembre. Sarà necessario scaricare l'app Io. 

 

 "Occorrono impegno e attenzione, dobbiamo attendere che sia operativo il piano vaccini. Sarà un Natale diverso da tutti gli altri, non meno autentico".

 

IL TESTO DEL DPCM 3 DICEMBRE

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.