Ruba una reliquia di Papa San Giovanni Paolo II, denunciato un 59enne di Figline Valdarno

Le Autorità Ecclesiastiche hanno rivolto un accorato appello per la sua restituzione

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 13 novembre 2020 12:38

Trovato il responsabile del furto della reliquia di Papa Giovanni Paolo II, sottratta il 23 settembre scorso nel Duomo di Spoleto. ‘Furto aggravato’ è la denuncia per il 59enne pregiudicato, residente nella cittadina toscana di Figline Valdarno, già protagonista in passato di altre vicende di furto di beni di natura ecclesiastica avvenute nella zona.

 

Le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della Cattedrale e del Comune di Spoleto sono state determinanti per individuare il ladro, ripreso nelle fasi precedenti e nel momento del furto, nonché negli spostamenti successivi per i vicoli del Borgo. I militari hanno poi seguito l’uomo nel suo percorso verso la stazione ferroviaria, mentre saliva su un treno diretto a Foligno, per poi proseguire, prendendo una coincidenza, in Toscana.

 

Le immagini del volto, parzialmente coperto da un cappello, le particolari caratteristiche fisiche e la disinvoltura di azione hanno fatto emergere i primi elementi su cui effettuare la ricerca, rende noto l'Arma in un comunicato. 

 

I carabinieri di Spoleto e Perugia, grazie alle informazioni e conferme arrivate dai colleghi di Firenze e Figline Valdarno, sono riusciti a smascherare il ladro. 

 

La Procura della Repubblica di Spoleto ha emesso così un decreto di perquisizione a carico dell’indagato. Il controllo è stato eseguito a casa del 59enne, dove però non è stata ritrovata la preziosa reliquia, perché verosimilmente già consegnata a ricettatori o collezionisti. Nel corso della perquisizione sono stati ritrovati e sequestrati gli indumenti indossati il giorno del furto, il cappellino e lo zaino in cui era stata occultata la reliquia.

 

Le Autorità Ecclesiastiche hanno rivolto un accorato appello per la sua restituzione. 

 

Gli investigatori sono convinti che il reliquiario sia finito nelle mani di un rigattiere o, ipotesi ancor più plausibile, ceduto a un collezionista attratto dalla figura del Santo Pontefice, visto che quest’anno ricorre il centenario della sua nascita. 

 

Non si escludono, fa sapere l'Arma, ulteriori sviluppi degli accertamenti in corso sulla catena di contatti e spostamenti effettuati nei giorni immediatamente successivi al furto dall’indagato. 
 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.