Aumentare il numero di tamponi ed evitare visite nelle Rsa: due nuove ordinanze della Regione Toscana

L'annuncio del presidente Giani in diretta su Facebook

Galleria immagini

2814 Visualizzazioni

lunedì 12 ottobre 2020 18:58

Un’ordinanza per portare fra una settimana a 17mila 500 i tamponi, un intervento sulle Rsa e i medici nelle scuole. Sono questi gli argomenti toccati dal nuovo presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, nel corso di una diretta Facebook tenuta questo tardo pomeriggio.

 

Poco fa ho firmato due ordinanze che valgono sull’intero territorio della Regione Toscana e riguardano la gestione dell’emergenza Covid” ha annunciato Giani. 

 

La prima ordinanza prevede l’estensione dei tamponi, soprattutto alla luce delle situazioni nelle scuole, per avere una tracciatura più completa del territorio regionale. 

 

Il neo presidente ha fatto una panoramica sulla situazione toscana: “Oggi sono stati per fortuna poco meno di 500 i contagiati – ha detto Giani – E conseguentemente c’è una leggera diminuzione. In realtà non vuol dire niente rapportato a una giornata, perché sappiamo che ciò che è significativo è un andamento complessivo. In realtà abbiamo difronte un numero di contagiati ben più ampio di quello che fino a poche settimane fa avevamo. Certo la situazione è sotto controllo. Non siamo a valutare questi indici di contagio così come avveniva con marzo o aprile”. “Oggi ci troviamo a vedere che le nostre terapie intensive, elemento fondamentale del sistema e da guardare con maggiore vigilanza, sono occupate in poco più del 10% di quello che sono a disposizione nei nostri 45 ospedali – ha continuato il presidente della Toscana - Abbiamo 375 postazioni di terapia intensiva disponibili e ne sono occupati 40. Ciò non significa non preoccuparci, guardare con attenzione e prevenzione”.

 

E proprio parlando di prevenzione, Giani ha affermato che si rende necessario quindi un aumento del numero di persone che devono passare sotto il tampone, anche nelle forme più immediate e dirette, ovvero quei tamponi rapidi che possono darci risposte in tempi brevi. E questo risulta importante soprattutto per le scuole, per consentire di vedere subito se il bambino è elemento di contagio o meno, dato che i giovani sono frequentemente asintomatici. “L’obiettivo dell’ordinanza che oggi ho firmato è quello di arrivare almeno a 17mila 500 tamponature il giorno da lunedì prossimo, con il tempo organizzativo di una settimana – ha detto Giani – Passare da 4mila alle 11mila di oggi alle 17.500 a cui mi sono proposto di arrivare è un salto di qualità”.

 

La seconda ordinanza riguarda gli anziani nelle Rsa, che impedisce la visita del parente all’anziano: “Dobbiamo evitare che nelle Rsa in questo momento così critico ci sia il pericolo di introdursi da parte del virus attraverso il contatto e il contagio che può arrivare dall’esterno” ha affermato Giani. “Ci saranno nell’ordinanza tutte le condizioni e prescrizioni affinché la visita possa avvenire de visu, magari con sistemi che sono quelli del collegamento remoto, attraverso quello che la tecnologia ci offre” ha specificato il presidente della Toscana.

 

Questa ordinanza entrerà in vigore giovedì o venerdì, in seguito a un’intesa con le associazioni di categoria per la gestione delle Rsa.

 

Infine Giani ha rilanciato la possibilità di avere medici specificatamente dedicati alle scuole. Anche se per questo ancora nessun documento dedicato. “Sono 2500 plessi scolastici in Toscana. Abbiamo attivato un bando che dovrebbe portare circa 200 medici a poterli visionare tutti. Sono stati tanti quelli che hanno voluto partecipare. I medici faranno una sorta di taskforce nelle scuole per poter verificare le condizioni, dare consigli giusti, uniformi e scientificamente fondati”. 
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.