Coronavirus, medici nelle scuole: nuova ordinanza della Regione Toscana

Professionalità mediche da dedicare alle attività sanitarie previste dai protocolli del Ministero

Galleria immagini

3195 Visualizzazioni

mercoledì 26 agosto 2020 18:51

Medici nelle scuole, arriva l'ordinanza della Regione. Le Asl della Toscana dovranno attivare specifiche procedure per ricercare professionalità mediche da dedicare alle attività sanitarie previste dai protocolli del Ministero dell’istruzione in vista dell’apertura dell’anno scolastico in tempo di Covid.


E' quanto stabilisce una nuova ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Toscana. Il provvedimento non solo esplicita quanto previsto anche dalle linee di indirizzo nazionali elaborate dall’Istituto Superiore di Sanità per la ripresa delle attività scolastiche, ma risponde anche alla necessità di un ulteriore rafforzamento della sanità territoriale.

 

Con questa azione, secondo il presidente della Regione, sarà possibile acquisire un quadro delle risorse professionali disponibili per assicurare la più larga copertura possibile alle esigenze di sicurezza sanitaria delle 460 istituzioni scolastiche toscane con i loro 2600 plessi.

 

L’obiettivo, spiega una nota della Regione, è anche quello di lavorare alla ricostruzione di uno specifico sistema di sanità scolastico, che il nostro paese ha avuto in passato e che poi è stato smantellato.


Alle procedure previste dall’ordinanza potranno partecipare laureati in medicina iscritti all’ordine anche non in possesso di specializzazione e medici in quiescienza. L’elenco dei candidati dovrà essere disponibile entro il 30 di settembre.

 

Con il personale medico individuato verranno stipulati specifici contratti libero professionali per la durata di tutto l’anno scolastico.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.