Firenze, tenta un colpo in appartamento ma un condomino dà l'allarme: arrestato

Sull'uomo pendevano già due ordini di carcerazione

Galleria immagini

3534 Visualizzazioni

venerdì 12 giugno 2020 16:28

E' stato arrestato ieri mattina, giovedì 11 giugno, a Firenze un cittadino albanese di 38 anni, già noto alle Forze di Polizia e ricercato per scontare una pena definitiva, con l’accusa di tentato furto in un appartamento in via Morosi a Novoli.

 

Intorno alle 5.20, un condomino ha segnalato al 113 di essere stato svegliato da forti rumori provenienti dal palazzo e al contempo di vedere dallo spioncino della porta un uomo che stava salendo le scale con una torcia.

 

La Sala Operativa della Questura di Firenze ha inviato le volanti sul posto. Nel frattempo in un appartamento dello stabile sono state accese le luci del vano scale mettendo in fuga l'uomo.

 

Appena sono arrivati sul posto gli agenti hanno constatato che qualcuno aveva completamente smontato un infisso che dalle scale affaccia sul terrazzino di un’abitazione, la cui caduta a terra aveva generato il forte rumore sentito dal testimone. Successivamente un’altra pattuglia ha incrociato tra via Baracca e via Tagliaferri un uomo corrispondente alle descrizioni fornite al 113.

 

Alla vista degli agenti quest’ultimo ha cominciato a correre perdendo durante la fuga due grossi cacciaviti. Dopo un breve inseguimento il sospettato è stato bloccato, ma non prima di essersi disfatto di un altro cacciavite e di una torcia, riferisce la Questura.

 

L’uomo, riconosciuto anche dal testimone, è finito in manette. Su di lui pendevano anche due ordini di carcerazione emessi dal Tribunale di Firenze, rispettivamente uno di 1 anno e l’altro di 8 mesi; il primo, in particolare, proprio per reati di analoga natura, conclude la Questura.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.