Nardella incontra il sindaco di Tirana. Domani parte 'Unity in Diversity': dialogo sul Mediterraneo

Home Page
06/11/2017

Parte 'Unity in Diversity' a Firenze

Scambi economici, collaborazione su temi come illuminazione pubblica, raccolta rifiuti con cassonetti interrati, smart city e sulla mobilità sostenibile. Sono questi alcuni dei temi affrontati nell'incontro fra il sindaco Dario Nardella e il primo cittadino di Tirana Erion Veliaj, a Firenze per partecipare ad Unity in Diversity.

 

L'incontro è avvenuto questo pomeriggio, lunedì 6 novembre 2017, a Palazzo Vecchio alla presenza fra gli altri del presidente di Confindustria Firenze Luigi Salvadori, del presidente di Silfi Matteo Casanovi, dell'assessore alla smart city Giovanni Bettarini, del consigliere della camera di commercio Maurizio Rugi e del direttore generale del Comune di Firenze Giacomo Parenti. Si sono così ulteriormente intensificate le relazioni tra il capoluogo toscano e la capitale dell'Albania, gemellate dal 2001, grazie anche alla missione a Tirana che il sindaco Nardella ha fatto lo scorso marzo.

 

“Lavoriamo per intensificare la cooperazione tra Firenze e Tirana - ha commentato Nardella -. Con il sindaco Veliaj abbiamo discusso della futura collaborazione nell'ambito dei servizi culturali e della gestione dei servizi pubblici, anche creando accordi con aziende pubbliche fiorentine. In particolar modo, abbiamo discusso della possibilità di collaborare su illuminazione pubblica - ha spiegato il sindaco -, promuovendo attraverso Silfi, una delle nostre eccellenze di società pubbliche”.

 

Domani mattina, martedì 7 novembre 2017, parte a Firenze la terza edizione di Unity in Diversity, la piattaforma voluta dal sindaco Dario Nardella sottoscritta dai sindaci provenienti da oltre 60 paesi che quest’anno sarà dedicata al Dialogo nel Mediterraneo, sulla scia dei Colloqui Mediterranei di Giorgio La Pira. Sarà un vero e proprio vertice fra sindaci di tutto il mondo che si confronteranno insieme a studiosi, economisti, alti rappresentanti delle Nazioni Unite e di Governo nazionale, che interverranno dando il loro contributo per affrontare insieme le questioni relative allo sviluppo sostenibile in rapporto con la dignità umana, allo sfruttamento delle risorse naturali e ai cambiamenti climatici.


La prima giornata si svolgerà a Firenze, nel salone dei Cinquecento, la seconda in Vaticano, presso la Casina Pio IV in seguito all’invito della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali. 
Aprirà i lavori a Firenze, nel salone dei Cinquecento, Maarten Van Aalderen, corrispondente di De Telegraaf, che modererà la giornata. Il sindaco Dario Nardella farà un intervento di apertura e a seguire ci sarà la partecipazione straordinaria di Staffan De Mistura, inviato delle Nazioni Unite e Lega Araba per la Siria. Kerry Kennedy, presidente del Robert F. Kennedy Human Rights prenderà la parola prima del contributo video di Joan Clos, direttore esecutivo di Un Habitat.

 

Una sessione della giornata sarà interamente dedicata al dialogo interculturale con Monsignor Marcelo Sánchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, Izzedin Elzir, Imam di Firenze e presidente di Ucoii, Saul Meghnagi, Commissario della gioventù ed Edicazione dell’Ucei e Pierpaolo Donati, professore di sociologia all’università di Bologna e accademico PASS. Seguirà l’intervento del vice ministro per gli Affari Esteri Mario Giro e poi una sessione dedicata all’ambiente con la partecipazione in video del governatore della California Jerry Brown il quale lancerà la presentazione del suo “Under 2 MoU”, il memorandum sull’ambiente che verrà poi approfondito da Veerabhadran Ramanathan, “Champion of Earth” delle Nazioni Unite e professore dell’università della California a San Diego.

Sarà poi fatto un focus sul sindaco Giorgio La Pira a 40 anni dalla sua scomparsa col contributo speciale del giornalista Gianni Minoli. Per la prima volta in occasione di questa ricorrenza il premio La Pira sarà consegnato a due sindaci, uno italiano e straniero, in collaborazione con la Fondazione La Pira e il presidente Mario Primicerio. Fra i numerosi partecipanti anche le delegazioni di Herat, Tunisi, Atene, Madrid, Kyoto, Dubrovnik, Fes, Tirana, Tiblisi e per la prima volta i sindaci italiani fra cui Palermo e Messina. Anche gli studenti saranno protagonisti, dall’Università di Firenze e dalla New York University: si rivolgeranno alle comunità locali e ai leader. Verranno poi presentati i corsi e le attività 2017/2018 della Scuola per il Dialogo Interculturale e Interreligioso, ovvero il progetto nato durante la prima edizione di Unity in Diversity, curato da monsignor Andrea Bellandi, l’Imam Izzedin Elzir, e Rav Joseph Levi.

 

Nel pomeriggio ci sarà l’open talk dei sindaci arrivati da tutto il mondo per condividere questioni e comparare soluzioni. In serata i partecipanti a Unity in Diversity si spostano a Roma, in Vaticano, dove mercoledì mattina presso la Casina Pio IV i sindaci saranno invitati a scambiarsi la loro visione relativa i cambiamenti climatici e la dignità umana – dall’esclusione sociale alle forme moderne di schiavitù e traffico umano. 
Aprirà i lavori monsignor Marcelo Sánchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali a cui seguirà l’intervento del sindaco di Firenze, Dario Nardella, e del Comitato di Promotore. Poi la parola passerà ai sindaci. Sarà inoltre proiettato il documentario “Giorgio La Pira. La concretezza dell’utopia”, di Vanessa Roghi -La Grande Storia, Rai Tre, a cura della Fondazione Giorgio La Pira. 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.