Firenze, il Dalai Lama inaugurerà il Festival delle Religioni

spettacoli
10/05/2017

Il 19 settembre sarà a Firenze

Sua Santità il XIV Dalai Lama sarà a Firenze per l’inaugurazione della terza edizione del Festival delle Religioni.

 

Tenzin Gyatso, la più importante autorità buddista, sarà in città il 19 settembre per un incontro pubblico che si svolgerà al Nelson Mandela Forum.

 

Un evento, come si legge in una nota del comune di Firenze, che segna il ritorno del Dalai Lama nel capoluogo fiorentino a 18 anni di distanza dalla visita del 1999. 

 

L’incontro si terrà alle 9 e sarà moderato dalla presidente Rai Monica Maggioni e vedrà la presenza del fondatore della Comunità ecumenica di Bose Padre Enzo Bianchi, dell’imam di Firenze e presidente dell’Unione delle Comunità islamiche d’Italia Izzedin Elzir e del giurista Joseph Weiler, già rettore dell’Istituto universitario europeo. 

 

All’incontro mattutino seguirà alle 13.30 un public talk con il Dalai Lama dal titolo ‘La pace attraverso l'educazione’ organizzato dall’Istituto buddista Lama Tzong Khapa di Pomaia, il quale cura l’organizzazione dell’intera giornata fiorentina della massima autorità spirituale del Buddhismo tibetano, al quale parteciperà anche la Regione.

 

“Per noi l’arrivo in città di sua Santità Dalai Lama è motivo di grande orgoglio - ha detto il sindaco Nardella - perché ancora una volta si salda il rapporto tra sua Santità il Dalai Lama, la sua missione nel mondo e i valori nei quali la Toscana e Firenze hanno sempre creduto e per i quali hanno sempre operato. Non dimentichiamo che la nostra, è la terra dove per la prima volta nella storia dell’umanità è stata abolita la pena di morte. Firenze è la città che più di tante altre si è impegnata sulle grandi battaglie dei diritti civili, delle libertà e della pace - ha continuato - e come non ricordare La Pira che della pace ha fatto una vera e propria missione da sindaco di Firenze. Ed è infatti dedicato a lui l’incontro che apre il Festival delle Religioni e che allo stesso apre le celebrazioni dei 40 anni della morte del sindaco Giorgio La Pira. Per questa occasione, d’accordo con Francesca Campana Comparini abbiamo deciso di conferire al Dalai Lama il Sigillo della pace - ha concluso il sindaco Nardella -, il più prestigioso riconoscimento che la città di Firenze abbia mai dato per l’impegno della pace. Siamo molto impazienti di vivere la giornata del 19 settembre e sono certo che anche questa volta Firenze sarà una luce accesa su tutto il mondo e sui grandi temi dell’umanità”.

“Siamo orgogliosi - ha detto l’assessore regionale Cristina Grieco - di aver contribuito all’accettazione da parte di sua Santità Dalai Lama agli incontri che si terranno in Toscana il prossimo settembre e che la Regione ha promosso, sia quello che si svolgerà a Firenze al Mandela Forum che l’altro a Pisa, al palazzo dei Congressi. Ci fa molto piacere che in questo ambito venga sottolineato il rapporto stretto che esiste tra pace e educazione perché non esiste l’uno senza l’altro e viceversa. É l’educazione l’arma della pace. La Toscana da decenni rappresenta un laboratorio di innovazione nel campo della pace e dei diritti umani coltivando da tempo la sperimentazione per cittadini, associazioni e istituzioni - ha continuato -. La visita di Sua Santità Dalai Lama, impreziosita dal Festival delle Religioni, è un altro tassello dunque del percorso che questa regione fa per consolidare i nostri valori di pace e dialogo e contribuire all’educazione delle nuove generazioni”.

 

Il Festival delle Religioni proseguirà venerdì 22 e sabato 23 settembre.

 

Il 19 settembre, durante l’inaugurazione del Festival delle Religioni, il sindaco di Firenze Dario Nardella consegnerà al Dalai Lama il ‘Sigillo della pace’, uno dei più importanti riconoscimenti cittadini istituito nel quindicesimo secolo.

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.