Firenze è ufficialmente ‘città Gentile’, firmato il Manifesto a Palazzo Vecchio

La proposta di Nardella: “Un fiore a chi arriva a Firenze assieme ai volontari e agli Angeli del Bello”

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 02 luglio 2021 19:57

Firenze è ufficialmente città Gentile. Palazzo Vecchio infatti ha aderito al movimento collettivo nazionale Italia Gentile, progetto dell’Associazione di volontariato My Life Design ONLUS. Oggi nel salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio la firma da parte del sindaco Dario Nardella del Manifesto delle città gentili, alla presenza di Daniel Lumera, docente e scrittore, promotore del Movimento Italia Gentile e Padre Guidalberto Bormolini, presidente associazione Tuttoèvita Onlus e della vicesindaca Alessia Bettini e, contestualmente, l’inaugurazione del Festival dell’Italia Gentile.


Firenze oggi aderisce al Manifesto delle città gentili - ha detto il sindaco Nardella - È un fatto, dobbiamo cominciare dai nostri comportamenti e dal nostro linguaggio a essere più gentili, pensiamo al linguaggio della politica, caratterizzato da toni sempre più muscolari volgari, rissosi. I cittadini sono stanchi di questo tipo di confronto troppo frequente nel linguaggio pubblico e anche nel mondo del lavoro e nelle relazioni. E poi è necessario passare dalle parole ai fatti. Nella nostra città ci sono tanti progetti riconducibili alla gentilezza penso agli Angeli del bello che quotidianamente compiono atti gentili verso la città, poi tutta la grande rete che si occupa di solidarietà e accoglienza, assistenza agli anziani e ai cittadini più fragili. Con la vicesindaca Bettini vogliamo promuovere un ulteriore gesto di gentilezza simbolico ma significativo, con la rete dei volontari della nostra città e con la fondazione Angeli del bello un giorno andremo a ricevere coloro che arriveranno alla stazione e all’aeroporto con un fiore. Un gesto di gentilezza che stabilisce un sistema di relazioni positivo, umano, inclusivo, per chi arriva nella nostra città, che sia un turista, un lavoratore, e poi sicuramente proseguiremo con altre azioni. Già questo festival è un progetto concreto che punta a un ‘contagio’ positivo per promuovere sempre di più questi valori”.

 

"A Firenze non partiamo da zero, c’è tutto un tessuto di realtà e di azioni intraprese ascrivibili ai valori della Gentilezza - ha aggiunto la vicesindaca Alessia Bettini - Oggi Firenze diventa città Gentile e con la realizzazione di questo Festival puntiamo a promuovere queste tematiche nella città e a confrontarci da vicino e a 360 gradi su come sia necessario e urgente farle nostre per affrontare al meglio le sfide del futuro”.

 

La Gentilezza ha un impatto genetico fortissimo sulle persone, è la scienza che lo dimostra, non è solo un valore morale ma un imperativo biologico - ha spiegato Daniel Lumera - Mai come adesso, in un momento in cui si tende purtroppo a cercare consenso e senso di identità dalla colpevolizzazione e dalla creazione di un nemico è fondamentale invertire la rotta e rimettere al centro inclusione e cura del prossimo, è una provocazione ma una piccola grande rivoluzione che Firenze ha accolto, pronta a intraprendere progetti concreti”.

 

Con la sottoscrizione del Manifesto, Firenze si impegna a riconoscere la gentilezza come valore sociale in grado di incrementare benessere e longevità e a realizzare iniziative a beneficio della comunità e del territorio. Primo di questi progetti proprio il Festival dell’Italia Gentile, che da oggi proseguirà fino al 4 luglio con incontri e dibattiti, momenti culturali, di confronto, benessere, meditazione e intrattenimento.

 

All’inaugurazione, sempre dal salone dei Cinquecento, ha fatto seguito la tavola rotonda “Comunicazione gentile e Politica” con il sindaco Nardella, Matteo Biffoni, sindaco del Comune di Prato e presidente Anci Toscana, Giovanna Melandri, Gregorio Arena, presidente e fondatore di Labsus, e Rosy Russo, presidente e founder di Parole O_Stili. Alle 18,30 al Museo Novecento l’incontro interreligioso “Gentilezza e Spiritualità. Preghiera e meditazione come fonte di cura e gentilezza”, introdotto da Alessandro Martini, un momento di “Preghiera del cuore e meditazione” guidata da Padre Bernardo Gianni e la “Meditazione al tramonto sulla gentilezza” guidata da Daniel Lumera.
 

Foto Comune di Firenze

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.