Firenze, CNA chiede l’azzeramento della Tari per il 2021

Chiesto l'azzeramento della Tari per pubblici esercizi, strutture ricettive, cinema, teatri e associazioni

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 14 aprile 2021 15:20

Azzerare per il 2021 l’intero importo della Tari per pubblici esercizi, strutture ricettive, cinema, teatri, circoli ricreativi, associazioni e strutture sportive comprese le palestre, e annullarlo almeno per il periodo di chiusura delle attività con codici Ateco chiusi in Zona Rossa, come parrucchieri ed estetisti.

 

È quanto richiede CNA Firenze a Palazzo Vecchio invitandolo a seguire quanto messo in campo da altri Comuni, come Empoli.

 

“Sappiamo bene che da sola questa misura non basta, ma costituirebbe un segnale di attenzione della pubblica amministrazione nei confronti di tutte quelle attività alle prese con la crisi legata al Covid. In un momento così complesso sentire la vicinanza di chi guida la città è importante – spiega Fabrizio Cecconi, direttore generale di CNA –. Incassi fortemente contratti, quando non annullati e costi fissi che corrono ugualmente: un’azione così sulla tariffa sui rifiuti consentirebbe di risparmiare risorse da poter destinare alla ripartenza delle attività”.

 

Se complessivamente le imprese fiorentine hanno tenuto (quelle attive sono “solo” lo 0,3% in meno di quelle del 2019), diverso è il caso dell’artigianato che ha lasciato sul campo l’1% delle sue attività. A preoccupare CNA è però la débâcle della voglia di fare impresa: le nuove imprese del 2020 sono infatti quasi il 22% in meno di quelle nate nel 2019, percentuale che arriva al 25% per l’artigianato, aggiunge in una nota CNA.

 

Quanto al Decreto Sostegni le risorse sono insufficienti. “Finalmente, però, – prosegue il segretario generale – sono stati superati i codici Ateco, come chiediamo da un anno, ma la soglia del 30% del calo di fatturato è una tagliola inaccettabile che esclude oltre il 60% delle imprese: con una contrazione dei ricavi del 29,9% non si riceve nemmeno un euro di contributo. Abbiamo proposto un meccanismo di decalage degli indennizzi. Governo e Parlamento devono correggere questa ingiustizia”.

 

“In attesa di un provvedimento veramente efficace da parte del governo, il sostegno della politica locale e regionale diventa quanto mai strategico” conclude Cecconi.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.