Colti sul fatto dalla Forestale a bruciare rifiuti, denunciati due imprenditori nel fiorentino

Per smaltimento illecito di rifiuti speciali abbandonati al suolo e gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi

Galleria immagini

718 Visualizzazioni

sabato 19 settembre 2020 10:28

I militari della Stazione CC Forestale di Borgo San Lorenzo, su segnalazione della Centrale Operativa CC di Borgo San Lorenzo, si sono recati lungo la SR Bolognese, in località Casenuove Taiuti in Comune di Scarperia e San Piero. La pattuglia, arrivata sul posto, come riporta una nota diffusa dai militari, ha constatato che, all’interno di un’area recintata, era in corso l’abbruciamento di rifiuti legnosi, costituiti da mobilia, all’interno di un fusto metallico. Sul posto erano presenti due soggetti che sono stati identificati e ai quali veniva chiesto immediatamente di spegnere il fuoco.

 

I militari hanno accertato nel contempo che, in prossimità del fusto in cui avveniva l’abbruciamento dei rifiuti, erano accumulati in modo caotico rifiuti di varia natura, derivanti dall’edilizia. I rifiuti erano stoccati in parte al suolo, in parte all’interno di imballaggi e in parte all’interno di big bags. Venivano chieste alle due persone spiegazioni in relazione alla presenza di tali rifiuti e riferivano di essere titolari di imprese edili senza possedere l’autorizzazione allo stoccaggio. Il luogo di deposito dei rifiuti non era il luogo di produzione dei rifiuti, non era infatti un cantiere in corso, ma esclusivamente un sito di deposito materiali e attrezzatura varia della ditta edile.

 

Costatato pertanto uno stoccaggio non autorizzato di rifiuti speciali non pericolosi, i militari hanno visionato le tipologie di rifiuti, derivanti da lavori edili. La gran parte dei rifiuti non erano protetti dagli agenti atmosferici e lo stoccaggio avveniva su un piazzale non impermeabilizzato, privo di un sistema di raccolta delle acque. 

 

I due imprenditori sono stati dunque denunciati per smaltimento illecito mediante combustione di rifiuti speciali abbandonati al suolo e gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi. I rifiuti, in base al Testo Unico Ambientale (TUA), sono stati posti sotto sequestro.

 

Ad aggravare il fatto, tale attività di combustione di rifiuti, avveniva in periodo di grave pericolosità per gli incendi boschivi, prorogato al 25 settembre, durante il quale vige il divieto assoluto di abbruciamento di qualsiasi tipo. Ai soggetti è stata contestata quindi anche la sanzione amministrativa di 480 euro.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.