Sesto, via libera a ombrelloni e gazebo per i clienti in attesa fuori dagli esercizi commerciali

Senza alcun costo di occupazione del suolo pubblico

Galleria immagini

906 Visualizzazioni

lunedì 01 giugno 2020 13:54

Procedura semplificata e nessun costo di occupazione del suolo pubblico per installare ombrelloni e gazebo parasole a disposizione dei clienti in attesa fuori dagli esercizi commerciali di Sesto Fiorentino.

 

È la misura adottata nel corso dell’ultima giunta comunale per andare incontro alle richieste di artigiani e commercianti in vista della stagione estiva.

 

Ombrelloni e altre “strutture leggere” di cortesia, utili a offrire riparo ai clienti in fila fuori dagli esercizi commerciali a causa delle regole di distanziamento personale, potranno essere installati presentando una richiesta semplificata al SUAP senza alcun costo di occupazione del suolo pubblico. L’autorizzazione, si legge sulla pagina Facebook del Comune di Sesto Fiorentino, sarà ovviamente subordinata al rispetto delle norme in materia di sicurezza per la circolazione veicolare e pedonale.

 

“In queste settimane ci sono giunte molte richieste da parte di operatori per l’installazione di strutture leggere, utili a dare un po’ di sollievo ai clienti in attesa specie nella stagione estiva – ha spiegato l’assessore al commercio Gabriella Bruschi - Purtroppo le norme di distanziamento personale condizioneranno ancora a lungo la nostra vita e l’attesa davanti ai negozi saranno parte della quotidianità. Avevamo già provveduto ad azzerare la Cosap per i dehors, ma il combinato delle normative nazionali e locali lasciava fuori da questa previsione i casi in cui le strutture non sono legate ad una attività di ristorazione. Con questo atto rimediamo rimuoviamo questa limitazione”.
 

Immagine di repertorio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.