Prato, assembramento al super-market: multati i clienti, locale segnalato per la sospensione dell'attività

Nei giorni scorsi sanzionato un parrucchiere aperto e sequestrato un furgone con 1500 kg di rifiuti

Galleria immagini

5263 Visualizzazioni

venerdì 08 maggio 2020 19:21

Una pattuglia di “Baschi Verdi” del Gruppo Prato della Guardia di Finanza è intervenuta presso un super-market del centro di Prato constatando, all’interno del negozio, la presenza di sette avventori i quali non rispettavano le distanze minime di sicurezza previste dalle norme per la prevenzione del contagio da covid-19.

 

Le sette persone, riferisce la Finanza, sono state verbalizzate ai sensi delle recenti disposizioni normative, con l’applicazione di una sanzione amministrativa di 280 Euro (se oblata entro 30 giorni). Stessa sorte per il titolare dell’esercizio commerciale, segnalato inoltre per l’applicazione della sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio da 5 a 30 giorni, non essendo state predisposte le condizioni per prevenire o ridurre il rischio di contagio, dilazionando l’ingresso dei clienti e facendo rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.

 

Nei giorni scorsi, sempre a Prato, la polizia aveva effettuato un controllo presso un parrucchiere, apparso aperto al pubblico nonostante il previsto divieto in vigore per attività di tal specie. E’ stato identificato all’interno dell’esercizio commerciale il suo titolare, un 45enne italiano, il quale è stato pertanto sanzionato amministrativamente per una somma pari a 400 euro, per l’inosservanza del D.P.C.M. in vigore in materia di emergenza epidemiologica nazionale da Covid 19.

 

Decine di sacchi neri con 1500 kg di scarti tessili, pronti per essere abbandonati illecitamente, sono stati sequestrati martedì 5 maggio dalla Polizia Municipale, sempre a Prato. Un cittadino marocchino residente a Pistoia è stato sorpreso mentre trasportava i rifiuti tessili prelevati da una ditta del Macrolotto.

La pattuglia in borghese ha visto il furgone condotto dall'uomo entrare dentro il piazzale di una ditta e prendere contatti con gli addetti della ditta, una confezione gestita da cittadini cinesi. Hanno quindi iniziato a caricare sacchi di rifiuti tessili fino a stipare il furgone che è ripartito poco dopo.


Al successivo controllo di Polizia stradale l'uomo,  un 30enne regolare sul territorio italiano, ha confermato di non avere titolo al trasporto dei rifiuti. Gli agenti hanno quindi proceduto al sequestro del carico, circa 1500 kg, e del veicolo, di sua proprietà.
E’ stata inoltre denunciata la titolare della ditta, una 36enne, per aver conferito i propri scarti tessili in maniera illecita a persone non autorizzate al trasporto e che sicuramente li avrebbero smalti in maniera irregolare.
 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.