Tulipani distribuiti in omaggio a cittadini, ospedali e anziani

Un simbolo di vicinanza

Galleria immagini

1357 Visualizzazioni

sabato 18 aprile 2020 09:19

A fine dicembre in una delle casse di espansione del Mensola erano stati piantati dei tulipani che  saranno raccolti per essere consegnati da volontari negli ospedali, agli anziani e ai cittadini.


I tulipani fanno parte del progetto Wander and Pick de Le Tribu della Terra, già apprezzato gli scorsi anni a  Scandicci al Parco dell’Acciaiolo e all’Abbazia di Settimo.



Nelle intenzioni degli organizzatori sarebbero state proprio queste belle giornate di sole l’occasione giusta per invitare ad ammirare e a raccogliere – in cambio di un contributo – l’affascinante fioritura primaverile delle tante diverse varieta messe a dimora; ma l’emergenza Covid ha bloccato le uscite e gli assembramenti e pertanto per non sprecare questa speciale coltivazione i promotori hanno pensato di trasformarla in un simbolo di vicinanza a chi è in prima linea e a casa contro il Coronavirus.


I rari tulipani coltivati nelle casse di espansione e parco del Mensola verranno distribuiti da volontari in omaggio a cittadini, ospedali, anziani che sono visitati e sostenuti da Croce Rossa Italiana Comitato di Firenze, Misericordia di Firenze e Humanitas Scandicci impegnate in molti servizi di assistenza e contrasto al Coronavirus.



“Come Consorzio di Bonifica abbiamo preso parte attiva all’iniziativa mettendo a disposizione l’area e i nostri mezzi ed operatori per la messa a dimora dei bulbi – spiega il Presidente Marco Bottino – in questi giorni che questi bellissimi tulipani sono sbocciati abbiamo ricevuto comunicazione che il progetto, nonostante il difficile momento che attraversiamo causa il Covid19, ha una risposta simbolica piena di speranza”.



 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.