Fermato dopo un furto, minaccia i poliziotti 'Ho il coronavirus, vi contagio tutti'

Il ragazzo è stato arrestato

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 27 marzo 2020 13:53

Fermato dopo aver rubato in un negozio del centro storico di Firenze, dice alla Polizia <<Ho il Coronavirus, vi contagio tutti>>. con queste parole ha esordito un 17enne di origini straniere fermato la notte scorsa dagli agenti della Squadra Volante della Questura di Firenze dopo che aveva messo a segno un colpo in un esercizio commerciale del centro storico.

 

E' successo oggi, venerdì 27 marzo, intorno alle 2.00. Una pattuglia, impegnata proprio nei controlli per il contenimento del Covid-19, ha intercettato il giovane a bordo di una bicicletta in via dei Leoni. Alla vista della volante il ragazzo 17enne si è affrettato a svoltare verso via del Corno, proseguendo velocemente per via Perlagio e via Vinegia per poi percorrere via Magalotti, Borgo dei Greci e ancora via Perlagio, via del Corno ed infine via dei Leoni.

 

Il fuggitivo è stato raggiunto e fermato. Il ragazzo ha quindi minacciato di contagiare i poliziotti per farli desistere dall’avvicinarlo fisicamente.

 

Il giovane è stato trovato in possesso di due buste con all’interno il bottino del furto compiuto poco prima in un negozio di kebab sotto l’arco di San Pierino: una serie di fatture intestate all’attività commerciale, lame per trinciare la carne, cavatappi, apribottiglie e una somma di denaro in contanti di oltre 1.600 euro, il tutto riconsegnato al legittimo proprietario.

 

Sul posto gli agenti hanno constato che il ragazzo aveva infranto il vetro della porta di ingresso con un mattone per poi razziare il locale.

 

Il 17enne, già noto alle Forze di Polizia, è finito in manette con l’accusa di furto aggravato e resistenza a Pubblico Ufficiale. 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.