Firenze, scenografia di luci per i 600 anni dell'Istituto degli Innocenti

In piazza Santissima Annunziata nuove luci per il seicentenario dell'Istituto

Galleria immagini

409 Visualizzazioni

venerdì 13 dicembre 2019 11:57

Una scenografia di luci colorate che rappresentano l’Istituto e i 5 quartieri della città di Firenze illumina da ieri sera, giovedì 12 dicembre 2019, il loggiato dell’Istituto degli Innocenti in piazza Santissima Annunziata, a Firenze. Il nuovo impianto di illuminazione è stato progettato e realizzato da Silfi Spa in occasione del Seicentenario dell’Istituto, permettendo l’accensione in orario notturno della luce blu, colore simbolo degli Innocenti, e di una nuova illuminazione permanente che esalta la bellezza della piazza fiorentina e dell’architettura dell’edificio progettato da Filippo Brunelleschi che Firenze destinò nel XV secolo all’accoglienza dei più piccoli.

 

L’evento di inaugurazione della nuova illuminazione fa parte del programma del Festival Moon F-Light, promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E: ogni 30 minuti e fino al 6 gennaio 2020, il Loggiato dell’Istituto si illuminerà con un gioco di luci colorate.

 

All’inaugurazione della nuova illuminazione erano presenti: Maria Grazia Giuffrida, Presidente dell'Istituto degli Innocenti; Matteo Casanovi, Presidente di SILFI spa; Eugenio Giani, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana; Sara Funaro, Assessora all’Educazione del Comune di Firenze; Giovanni Palumbo, Direttore Generale dell’Istituto degli Innocenti; Manuela Gniuli, Direttore Generale di SILFI spa.

 

“Il Loggiato di piazza Santissima Annunziata è uno dei simboli più riconoscibili dell’Istituto degli Innocenti – commenta la Presidente dell’Istituto degli Innocenti Maria Grazia Giuffrida -: è la porta d’ingresso all’edificio rinascimentale dedicato alla cura e all’educazione dei bambini; è sovrastato dai magnifici putti in ceramica invetriata di Andrea della Robbia; ospita la finestra ferrata da dove fino all’Ottocento passavano i bambini che veniva accolti. Il Loggiato con la sua scalinata e i suoi archi armonici è un simbolo stesso dell’accoglienza per i fiorentini che frequentano questa piazza. Siamo felici di poter mettere al centro dell’attenzione, ancora di più e ancora meglio in orario serale, il loggiato grazie anche a questo gioco di luci nell’ambito del Festival Moon F-Light. Ringraziamo in particolar modo Silfi spa per aver progettato e realizzato, nello speciale anno del Seicentenario dell’Istituto l’impianto che ci consente di cambiare “l’effetto scenografico” al loggiato”.

 

“Il blu è il colore dell’Istituto degli Innocenti, il colore dei bambini e dei loro diritti, delle loro speranze e del futuro – racconta il Direttore Generale dell’Istituto degli Innocenti Giovanni Palumbo -. Grazie a Silfi possiamo illuminare di blu il Loggiato dell’Istituto, nell’anno delle celebrazioni del nostro Seicentenario, e all’occorrenza utilizzare anche altri colori per lanciare messaggi forti in difesa dei bambini, degli adolescenti e delle famiglie. Continueremo dunque “a tingere di blu” i nostri pensieri e le nostre azioni quotidiane concrete per la tutela e le promozione dell'infanzia e dell'adolescenza.”.


“Con questo impianto, che va ad aggiungersi a quelli per la Basilica e per la statua equestre di Ferdinando I de’ Medici che avevamo inaugurato lo scorso anno, l'intera piazza Santissima Annunziata e i suoi loggiati possono contare su una nuova luce, in grado di rendere ancora più bello e vivibile anche nelle ore notturne questo spazio ricco di storia – spiega il presidente di SILFIspa Matteo Casanovi – è per noi una grande soddisfazione, in occasione di F-Light, valorizzare in modo permanente, con luci progettate su misura, i luoghi e le architetture simbolo della città, come l'Istituto degli Innocenti, a maggior ragione in un anno tanto importante per questa realtà come quello del suo Seicentenario”.

 

"L'Istituto degli Innocenti è per definizione, a Firenze, il luogo dell'accoglienza, del calore, della cura - dice l'assessore al diritto alla salute e al sociale della Regione Toscana Stefania Saccardi - L'architettura del Brunelleschi, le opere del Della Robbia, la storia dell'Istituto, tutte le persone che negli anni ci hanno lavorato, testimoniano tutto questo. Il gioco di luci colorate che viene inaugurato oggi, con i significati che i colori e le luci assumono, vuole aggiungere senso a questa accoglienza e lanciare un messaggio in più ai bambini e anche a tutti gli adulti".

 

“Il blu che da stasera illumina il loggiato di piazza Santissima Annunziata non solo rende ancora più bello questo capolavoro progettato dal Brunelleschi – ha detto l’assessore a diritti e pari opportunità del Comune di Firenze Sara Funaro - ma ricorderà a migliaia di visitatori e residenti l'impegno lungo seicento anni che ha l’Istituto degli Innocenti nei confronti dei bambini. Un’illuminazione suggestiva che arricchisce quindi il nostro patrimonio culturale e che ci fa presente che c’è tanta strada da fare per garantire i diritti ai bambini, ancora oggi vittime indifese di violenze e abusi, discriminazioni e povertà”.

 

Grazie alle nuove tecnologie led e all’elettronica di controllo, la nuova illuminazione del Loggiato degli Innocenti è stata progettata da SILFIspa per valorizzare i monumenti e i dettagli architettonici e per poter divulgare messaggi sociali e istituzionali in occasione di ricorrenze e festività, anche con l’uso del colore, si legge in una nota. A ogni elemento del loggiato (volte a crociera, parete di fondo, dettagli degli affreschi) è associata la propria luce, determinata da uno specifico apparecchio di illuminazione. A partire da ieri e per il periodo delle feste l'illuminazione sarà di tipo scenografico con 24 punti luce a led bianchi e colorati che si accendono grazie a un sofisticato sistema di controllo delle scenografie. Da febbraio 2020 sarà poi attiva un'illuminazione permanente di tipo architetturale, con 27 apparecchi led con luce bianca calda e 25 apparecchi led a luce colorata, per valorizzare ulteriormente l’architettura aumentando le superfici illuminate e la qualità della luce stessa. Tutti gli apparecchi installati sono ad elevata efficienza energetica e consentiranno di avere consumi molto ridotti.


 

Ieri, intanto, per le celebrazioni per i seicento anni dell'Istituto degli Innocenti la Commissione cultura del Comune di Firenze, presieduta da Fabio Giorgetti, è stata ricevuta dalla presidente Maria Grazia Giuffrida e dal direttore generale Giovanni Palumbo.

 

“L'Istituto degli Innocenti è la più antica istituzione pubblica di Firenze. Nato per la tutela e l'accoglienza dei bambini rimane uno dei luoghi più conosciuti ed apprezzati dai fiorentini. Io stesso – ha raccontato il presidente Fabio Giorgetti – ho svolto attività di volontariato, ai tempi dell'Università, presso l'istituto. Fu un'esperienza che mi ha lasciato il segno. Bellissima e che mi ha aiutato per la mia formazione. L'Istituto degli Innocenti ha sempre avuto grande importanza sul territorio e prosegue, anche attraverso delle associazioni, quest'opera attraverso il servizio civile”.

 

L'istituto degli Innocenti ha avuto molte trasformazioni nel corso degli anni ed ha instaurato importanti collaborazioni con la presidenza del Consiglio dei Ministri, con la Regione Toscana e col Comune di Firenze. Non si occupa solo di accoglienza dei bambini ma accoglie anche mamme in difficoltà che hanno difficoltà a svolgere l'esperienza educativa col proprio bambino. Sono presenti, inoltre, scuole d'infanzia, un asilo nido ed un polo sperimentale dedicato a bambini da 0 a 6 anni. Gli Innocenti sono, oggi, un'azienda di servizi pubblici alla persona, un'azienda strumentale del sistema sociale regionale ma è anche un centro di documentazione ed è anche un museo diviso in arte e storia e, pochi giorni fa, è stato inaugurato anche un archivio storico perché l'Istituto degli Innocenti racconta, come ha sottolineato anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, “una storia proiettata nel futuro”.

 

E' come se fosse l'Istat dell'infanzia, scrive il Comune in una nota. L'istituto non si limita ad analizzare i dati ma li elabora per essere di supporto alle politiche pubbliche in materia d'infanzia e di adolescenza. A conclusione delle celebrazioni per i seicento anni dell'Istituto è stato redatto il manifesto dell'Istituto degli Innocenti per l'infanzia. I cinque filoni sono: l'infanzia ed i fenomeni migratori, l'infanzia e le nuove tecnologia, l'infanzia ed il supporto alla genitorialità ed alla natalità, l'infanzia e l'educazione, l'infanzia e la sostenibilità e la sensibilità ambientale. Sono questi i punti che vedranno impegnato l'Istituto anche in collaborazione col Comune di Firenze per difendere i diritti dei più piccoli.


 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.