Rischio incendi, vietato tenere cani alla catena: ordinanza regionale

Ordinanza straordinaria del presidente della Regione valida fino al 30 settembre

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 03 agosto 2022 17:18

Arriva l'ordinanza che vieta la custodia di cani a catena o con altro strumento di contenzione permanente fino al 30 settembre in Toscana,

 

A causa del caldo torrido e dell’elevato rischio di incendi, alimentati dalla forte siccità e dal vento in molte zone anche della nostra regione, gli animali tenuti alla catena rischiano la vita quotidianamente. Da qui il divieto in tutti i territori della Toscana, sancito con un’ordinanza straordinaria, firmata oggi, 3 agosto, dal presidente della Regione.


L’ordinanza entrerà in vigore il giorno successivo alla data di pubblicazione sul Burt (Bollettino ufficiale della Regione Toscana) prevista nelle prossime ore e rimarrà valida fino al 30 settembre 2022.

 

La mancata osservanza degli obblighi, sanciti dall’ordinanza, fatto salvo aspetti di rilevanza penale per maltrattamento di animali (come previsto dagli articoli 544 bis e ter del Codice penale), comporta l’applicazione di sanzioni amministrative (articolo 40 della legge regionale 59 del 2009).

 

Le associazioni Green Impact, Fondazione CAVE CANEM, Animal Law Italia avevano promosso la campagna #liberidallecatene.

 

“Ringraziamo il Presidente della Regione Toscana per la celere risposta alla nostra richiesta di introdurre il divieto di cani a catena per il periodo estivo interessato dall’emergenza incendi - dichiarano Gaia Angelini, Federica Faiella, Alessandro Ricciuti - ci auguriamo che sia il primo passo verso la revisione della normativa regionale vigente per porre finalmente fine a questa brutale pratica”.

 

 

Immagine di repertorio

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.