Monopattini elettrici, Giani proporrà una legge per l'uso obbligatorio del casco

Fiori sul luogo dell'incidente in cui ha perso la vita il 27enne a Firenze

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

martedì 10 agosto 2021 17:56

Al  prossimo Consiglio regionale il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani proporrà una legge che, in nome della sicurezza stradale, preveda in Toscana l’obbligo del casco per chi utilizza il monopattino elettrico anche oltre la maggiore età (non solo fino a 18 anni, come già stabilito dalla legge nazionale  Comma 75- quater art. 1 Legge nr. 160/2019). 

 

E' quanto fa sapere la Regione, l'indomani del tragico incidente che a Firenze è costato la vita ad un giovane di 27 anni, morto in uno scontro tra il suo monopattino e una moto, in viale Don Minzoni, nella notte tra domenica e lunedì. 


"La legge regionale è ormai imprescindibile - ha detto Giani - di fronte a fatti che vedono l’uso e abuso di monopattini che sfrecciano a velocità incompatibili in zone pedonali, o ancor più con monopattini che si avventurano in assi stradali che li portano a contatto con mezzi di ben altra velocità e solidità”.


Il presidente Giani porterà la proposta di legge nella seduta di Giunta del 30 agosto, con l’auspicio che possa essere affrontata ed approvata dal Consiglio regionale nel mese di settembre. Tutto questo verrà fatto sulla base delle competenze di legge concorrente in materia di polizia locale e in materia sanitaria, con l’auspicio che anche una legge a livello nazionale possa arrivare a prevedere l’uso del casco per i monopattini nel codice della strada.
 

Il sindaco di Firenze Dario Nardella, a febbraio 2021, aveva introdotto un'ordinanza sull'obbligo di utilizzo del casco protettivo sui monopattini elettrici, ma il Tar della Toscana aveva emesso sentenza di annullamento per l'ordinanza appena una settimana più tardi. “Sono mesi che Firenze è in prima linea per battersi per una maggiore sicurezza sui monopattini. Ci dispiace profondamente per la morte del giovane conducente del monopattino, ai suoi familiari vadano le nostre più sentite condoglianze e le mie più profonde scuse per questa inaccettabile lacuna normativa” (qui le parole di Nardella).

 

Il luogo dell'incidente, all'incrocio tra viale Don Minzoni e via Masaccio, si è riempito di fiori e candele, e sono state appese foto del giovane, originario dello Sri Lanka, che ha perso la vita proprio in quell'incrocio. 

 

Intanto proseguono gli accertamenti sulla dinamica da parte della polizia municipale, anche attraverso l'analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona.

 

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.