Dall'Inps avvisi di irregolarità alle imprese, Confartigianato Firenze: ‘È allucinante’

Contestato il mancato versamento dei contributi previdenziali di aprile, la cui scadenza era stata rinviata a settembre da un Dpcm

Galleria immagini

1531 Visualizzazioni

giovedì 16 luglio 2020 16:49

Da questa mattina, giovedì 16 luglio, tante aziende a Firenze e non solo hanno cominciato a ricevere dall'Inps avvisi di irregolarità che comprendono sanzioni e interessi sul mancato versamento dei contributi previdenziali del mese di aprile, la cui scadenza però era stata rinviata. 

 

"E' una cosa allucinante" ha dichiarato Jacopo Ferretti, segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze, che rilancia le segnalazioni arrivate da tante piccole aziende del territorio.

 

"Nel mese di aprile – ha affermato Ferretti - c'è stata una pandemia mondiale, e il Governo con uno dei suoi Dpcm ha fatto slittare il versamento dei contributi del mese di aprile, da maggio fino a settembre. Non va bene che l'Inps mandi gli avvisi di irregolarità oggi, a luglio, quindi prima della nuova scadenza degli avvisi di irregolarità. È vero che i contributi di aprile in origine scadevano il 16 maggio, ma c'è un decreto che dice che il 16 maggio non scadono più".

 

Secondo Ferretti questa è una beffa e una perdita di tempo per le imprese, già impegnate nel difficile compito di limitare i danni della crisi innescata dal Covid, “Perché comunque – ha spiegato il segretario generale di Confartigianato Imprese Firenze - per via di questo avviso di irregolarità bisogna entrare nel sito dell'Inps, inserire un codice che dice che non abbiamo pagato i contributi perché comunque c’era la pandemia, e l'Inps sta mandando a tutto l'universo delle imprese questi avvisi di irregolarità. Sicuramente qualcuno pagherà perché alla fine qualcuno paga, ma è allucinante”. 

 

Non solo: anche l’Inail, sostiene Ferretti, “sta facendo dei Durc irregolari per i mesi non pagati oggetto del rinvio del Dpcm; quindi oltre all'Inps anche all’Inail va detto che c’è stata una pandemia, mi sa, perché non lo sanno...”.
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.