Vis Art

Firenze, Daspo Urbano per due persone più volte sanzionate nei mesi precedenti

In caso di violazione del Daspo, i due rischiano l'arresto

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

mercoledì 24 agosto 2022 15:26

Emesso il Daspo urbano nei confronti di due persone, che erano stati più volte allontanati dalle aree tra la Stazione, San Lorenzo, piazza Duomo e piazza Signoria.

 

Il primo destinatario del provvedimento è un cittadino senegalese di 31 anni che è stato sanzionato anche con multe da 5000 euro e allontanato per 48 ore dal centro storico fiorentino almeno 4 volte negli ultimi tre mesi, dopo essere stato sorpreso dalla Polizia Municipale di Firenze ad esercitare il commercio abusivo in strada tra piazza Duomo, piazza Signoria e via Roma.

 

Un cittadino romeno di 46 anni aveva invece collezionato, negli ultimi anni, 7 “ordini di allontanamento” seguiti ad altrettante multe da oltre 100 euro per ubriachezza manifesta: gli agenti della Polizia Ferroviaria di Santa Maria Novella e quelli della Polizia Municipale del capoluogo toscano lo hanno trovato in più occasioni in evidente stato di ebbrezza alcolica tra la Stazione Centrale e San Lorenzo.

 

I due provvedimenti, secondo quanto riporta una nota diffusa dalla questura, impongono al 31enne senegalese il divieto di accedere per sei mesi a piazza Duomo, piazza Signoria e via Roma; mentre al cittadino romeno quello di mettere piede per un anno alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, in via Valfonda, via Alamanni, piazza della Stazione, Mercato di San Lorenzo, via dell’Ariento, piazza del Mercato Centrale, via Zannoni e Sant’Antonino.

 

In caso di violazione di questa misura di prevenzione, i destinatari del Daspo Urbano rischiano l’arresto da sei mesi ad un anno.

 

Immagine di repertorio

 

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.