Firenze, sorpresi a scaricare rifiuti di pelletteria nei cassonetti

I rifiuti erano circa 270 Kg

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 21 giugno 2021 09:59

Sorpresi a scaricare dei rifiuti derivanti dalla produzione di pelletteria nei cassonetti.

 

E' successo nella tarda serata di ieri, domenica 20 giugno, in via de Cattani nel Comune di Firenze. Un furgone di colore bianco si è avvicinato  ad alcuni cassonetti per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani e due persone hanno iniziato a gettare dei  sacchi neri.


I Carabinieri forestali si sono accorti di questi movimenti e hanno svoluto un controllo  ispezionando l’oggetto del trasporto: all’interno del mezzo erano presenti nove sacchi in PVC neri, contenenti scarti di pelletteria, di circa trenta chilogrammi ciascuno, del peso totale stimato in circa 270 chilogrammi. I due soggetti stavano di fatto gestendo dei rifiuti speciali provenienti da attività industriale ma, alla richiesta dei militari, non erano in grado di esibire la prescritta documentazione comprovante la liceità dell’attività.


Una delle due persone ha affermato, secondo quanto riporta la nota dei militari, che gli scarti provenivano dall’azienda di pelletteria della moglie, con sede a Campi Bisenzio (FI).


La condotta posta in essere dai soggetti (trasporto e smaltimento finale dei rifiuti) si configurava come gestione di rifiuti speciali non pericolosi non autorizzata, sanzionata in base al TUA (Testo Unico Ambientale), in quanto agivano in assenza di Iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Ambientali nonché di Formulario di identificazione dei rifiuti.


L’automezzo ed i rifiuti sono stati posti sotto sequestro e sono stati denunciati in concorso all’AG i due trasportatori e l’imprenditrice per gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.