Firenze, 'La scuola va riaperta'. Studenti e docenti scendono in piazza

La manifestazione in piazza Santissima Annunziata

Galleria immagini

2995 Visualizzazioni

sabato 23 maggio 2020 18:14

“Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza”, è lo striscione che campeggia davanti all'Istituto degli Innocenti, nel giorno in cui piazza Santissima Annunziata è riempita di studenti e docenti, scesi in piazza per una manifestazione, statica, che nasce dalla mobilitazione Priorità alla scuola. 

 

Una mobilitazione che ha avuto origine dalla lettera di una professoressa al Ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina, lettera che dal 18 aprile ha superato le 85mila firme. 

 

Centinaia di persone hanno popolato la piazza nel pomeriggio di oggi, sabato 23 maggio, con distanziamento e mascherine, come il periodo vuole, per una manifestazione che si è tenuta a Firenze e in contemporanea in altre città italiane. Quello che genitori, studenti e docenti chiedono è che si riaprano le porte della scuola. "La scuola va riaperta. A settembre non vogliamo sperimentazioni". 

 

Niente didattica a distanza e tutti in classe da settembre, questo si legge nella nota nazionale della mobilitazione. "La didattica a distanza è la didattica dell’emergenza, a settembre vogliamo scuole aperte e didattica in presenza. Il ministero deve fin da ora operare per rendere agibili le strutture esistenti e per costruirne di nuove, temporanee, sostenibili, per accogliere tutti i soggetti che fanno la scuola".

 

"La scuola va riaperta in sicurezza perché l’istruzione è un diritto e perché bambin* e ragazz* a scuola ci vogliono tornare. Più risorse per la riapertura della scuola e il potenziamento in presenza. Perché la scuola sia un luogo riaperto, accogliente e sicuro per TUTT*".

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.