Agli arabi il Castello di Sammezzano, una società degli Emirati lo compra per 15 milioni

Cronaca
09/05/2017

Il sindaco di Reggello ha assistito all'asta

Una società araba ha comprato il Castello di Sammezzano per 15 milioni di euro.
 
E' arrivato il giorno dell'asta (di nuovo) per il Castello nel bosco di Leccio, a Reggello (Firenze), ma stavolta l'asta non è andata a vuoto.
 
A dare notizia dell'esito è Cristiano Benucci, sindaco di Reggello, che su Facebook scrive: "È da poco terminata l'asta per il Castello di Sammezzano alla quale ho assistito personalmente interpretando l'apprensione di tutti i reggellesi per il destino del Castello. È stata presentata un'offerta di 15,4 milioni di euro da parte di una società degli Emirati Arabi alla quale è stato provvisoriamente aggiudicato il Castello è tutto il complesso".
 
Una meraviglia chiusa da circa vent'anni, che in pochi hanno avuto la fortuna di ammirare, nelle centellinate visite rese possibili grazie all'impegno dei volontari del comitato Sammezzano FPXA 1813-2013
 

E' una vicenda intricata quella di Sammezzano, prima residenza dei Medici, poi passato al Marchese Ferdinando Panciatichi Ximenes d'Aragona, che nella seconda metà dell'800 rivoluzionò il palazzo, dandogli la forma che ha adesso. Le sue 365 stanze, una per ogni giorno dell'anno, fanno di Sammezzano un vero e proprio gioiello, unico nel suo genere. Tra le sale più famose ci sono la Sala del Pavone, degli Specchi, l'ottagono del Fumoir e la sala Bianca. Così belle da lasciare letteralmente a bocca a aperta.

 

Il castello è stato trasformato in hotel di lusso, poi fallito. La società inglese che lo possedeva ha deciso di metterlo all'asta, e dopo i tentativi andati a vuoto, oggi è arrivata l'offerta, e con lei i nuovi proprietari.

 

"Ci saranno modi e tempi opportuni nei quali i nuovi proprietari potranno confrontarsi con il Comune sulle loro idee, nel frattempo auspico che la nuova proprietà prenda a cuore Sammezzano, lo salvaguardi e metta subito in campo gli interventi necessari per combattere il degrado e mettere in sicurezza il bene. Non appena possibile manifesteremo ai nuovi proprietari la richiesta di garantire, compatibilmente con il loro progetto, la fruibilità pubblica del castello, in quanto rappresenta un simbolo per la nostra comunità", conclude il sindaco Benucci.

 
Commenta la vendita anche Francesco Esposito, fondatore dell'associazione Save Sammezzano. “Se l’alternativa era mantenere cristallizzata la situazione di degrado e incuria in cui permaneva Sammezzano da quasi 30 anni, allora è da ritenersi una buona notizia l’acquisto da parte di una nuova società anche se straniera; senza contare che pure la precedente proprietà era straniera. Anche se ancora non si sa molto di questi nuovi proprietari, se hanno speso oltre 15 milioni di euro per acquistarlo, è logico pensare che abbiano già in mente un progetto che ne preveda il recupero e la rimessa in attività. Il nostro compito di rappresentati della società civile sarà quello di incentivare i nuovi proprietari ad includere, tra le attività supposte nel proprio progetto di recupero, la collettiva fruibilità di quelle aree che hanno una maggior vocazione culturale. E’ un compito non da poco ma in questi mesi di sensibilizzazione riteniamo di aver creato tutti i presupposti necessari alla realizzazione di questo sogno”.
 

 

 

Irene Grossi
 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.