Dante 700, presentata la mostra ‘Una eredità inaspettata. I frammenti della Commedia nell’Archivio degli Innocenti’

L'esposizione aperta al pubblico fino al 28 dicembre all’Istituto degli Innocenti

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 19 novembre 2021 12:34

Nove pergamene di versi della Commedia dantesca, pagine manoscritte appartenenti ad un codice trecentesco, conservate nell’Archivio storico dell’Istituto degli Innocenti, esposte in una mostra dedicata. L’Istituto rende omaggio a Dante, nell’anno delle celebrazioni per i 700 anni dalla morte, presentando al pubblico per la prima volta questi documenti nell’esposizione “Una eredità inaspettata. I frammenti della Commedia nell’Archivio degli Innocenti” allestita fino al 28 dicembre.

 

Le nove pagine erano state usate come “carte di guardia” secondo le prassi librarie di riuso di pergamene antiche, all’interno di alcuni registri contabili del Cinquecento appartenenti alla famiglia Violi conservati nell’Archivio dell’Istituto, dove confluirono nel 1594 con lascito ereditario della stessa famiglia. Oggi le pergamene con la trascrizione tardo trecentesca della Commedia costituiscono unità archivistica a sé, ma la prima segnalazione inventariale le descrive nel 1912 ancora rilegate nei registri. Non si ha notizia del loro distacco da questi, certamente anteriore agli anni Novanta, quando, ormai sciolte, vengono studiate da Gabriella Pomaro, autrice del primo studio dedicato, che le associa a frammenti altrove conservati.

 

Quest'anno le ricerche dell’Archivio degli Innocenti hanno ulteriormente approfondito la vicenda: “parlanti” sono stati soprattutto i registri Violi, che hanno consentito di risalire, ad esempio, a quel cartolaio di via della Condotta che nel 1580 rilegò i libri contabili riutilizzando le pergamene su cui era trascritta la Commedia.

 

Le opere di Dante ebbero una enorme diffusione già nel Trecento: la Commedia era il testo letterario più trascritto in assoluto, seconda solo alla Bibbia. Molto spesso le versioni manoscritte della Commedia non sono libri intatti, ma frammenti sfusi. Le pergamene degli Innocenti appartengono a questa tipologia. Quando, dalla seconda metà del Quattrocento, la trascrizione manuale dei testi viene soppiantata dal libro a stampa - la Divina Commedia è il primo testo stampato in lingua italiana -  i vecchi manoscritti sono ritenuti “inutili” e si diffonde la prassi di riutilizzare le pergamene medievali per rilegature di nuovi libri.

 

Lo scopo della mostra ‘Una eredità inaspettata’ è di valorizzare questi reperti, raccontandone la complessa storia conservativa e il suo significato con un linguaggio che si rivolga anche ai ragazzi e alle famiglie che vengono a visitare il Museo degli Innocenti – ha spiegato la presidente Maria Grazia Giuffrida – L’iniziativa ci permette di rendere noto quanta ricchezza di materiali e documenti, anche inaspettata, contiene il nostro Archivio, un patrimonio storico che riguarda la vita non solo di questa antica istituzione ma anche dell’intera comunità cittadina con la quale è sempre stata in profondo dialogo”.

 

“L’iniziativa che presentiamo è stata possibile grazie alla stretta e proficua sinergia instauratasi fra il prezioso lavoro di cura e ricerca quotidianamente condotto nell’Archivio Storico e la capacità propositiva e comunicativa assicurata dal Museo degli Innocenti – ha aggiunto il direttore generale Sabrina Breschi - L’Istituto è costantemente impegnato nel valorizzare in modo coordinato e integrato il proprio patrimonio storico artistico per renderlo fruibile alla collettività e per contribuire attivamente ai percorsi di promozione culturale attivi nel contesto cittadino e non solo”.

 

La mostra, allestita nella Sala San Giovanni, sarà visibile all’interno del biglietto del Percorso Museo a 6 euro, comprensivo del percorso museale e delle mostre "Una eredità inaspettata" e "Jenny Saville".
 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.