Il Teatro di Rifredi riapre e riporta in scena 'Le tre verità di Cesira'

Nato nel 1990 come rappresentazione teatrale a domicilio, torna in scena dopo centinaia di repliche in Italia e all’estero

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

lunedì 03 maggio 2021 12:58

Il Teatro di Rifredi riparte da "Le tre verità di Cesira". In occasione del trentennale della sua creazione, per la riapertura del teatro torna in scena uno dei testi più divertenti e amari della drammaturgia italiana e uno degli spettacoli più originali e apprezzati della vasta produzione di Pupi e Fresedde.

 

Per un pubblico distanziato dalle norme anti covid alle ore 20 del 7, 8, 12, 13 e alle ore 16:30 del 9 maggio tornerà sul palcoscenico del Teatro di Rifredi "Le tre verità di Cesira" di Manlio Santanelli, un monologo comico e grottesco che vede protagonista Gennaro Cannavacciuolo nei panni di Cesira.


Cesira è una venditrice di limonate nei vicoli della Napoli dei Quartieri Spagnoli che racconta, ad uso e consumo di un supposto cameraman del “telegiornale”,  tre diverse versioni per giustificare la presenza di un folto paio di virilissimi baffi sul suo “corpo di donna, femminile". 


Nato nel 1990 come rappresentazione teatrale a domicilio, “Le tre verità di Cesira”, dopo centinaia di rappresentazioni in Italia e all’estero, ritorna adesso in scena.

 

Gli spettacoli avverranno nel rispetto delle misure anti-Covid 19. È necessario presentarsi mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo per espletare le procedure necessarie. Non si può entrare in sala a spettacolo iniziato. Le poltrone in sala saranno disposte in modo tale da garantire il distanziamento. Per l'accesso in teatro verranno applicate le seguenti procedure: mascherina obbligatoria, misurazione febbre, igienizzazione mani, registrazione del nome e numero di cellulare.

 

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.