Firenze, provoca un incidente e scappa, la fidanzata lo 'copre' e poi confessa: maxi multe e denuncia

L'uomo guidava senza patente e non si è fermato dopo l'incidente

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

sabato 06 febbraio 2021 19:25

Ha affidato lo scooter al fidanzato senza patente che ha provocato un incidente e si è dato alla fuga. Lo ha poi ‘coperto’, ma la Polizia Municipale ha rintracciato il ciclomotore, ha ricostruito la vicenda, ha elevato ad entrambi maxi sanzioni ed ha denunciato la donna.

 

E’ successo nei giorni scorsi a Firenze, quando una pattuglia del reparto di Rifredi ha rilevato un incidente stradale con fuga in via Scialoia, dove un ciclomotore condotto da un uomo non ha rispettato lo stop con via Bovio ed è andato ad urtare contro un’auto dandosi alla fuga, come ricostruito dalla Municipale.

 

Grazie ad alcuni testimoni, la Polizia Municipale ha rintracciato lo scooter, di proprietà di una donna residente in provincia di Firenze, che in una prima versione aveva detto agli agenti che lo scooter lo guidava lei, smentendo l’incidente, continua il Comune in una nota. Non trovando riscontro con il racconto dei testimoni, la Municipale le ha notificato una convocazione al reparto di viale Corsica, dove qui la proprietaria del mezzo ha ammesso di aver prestato lo scooter al fidanzato, spiegando che si era dato alla fuga perché privo di patente.

 

Per l'uomo che ha provocato l'incidente sono scattate le sanzioni per guida senza patente (5.110  euro). Per la proprietaria invece oltre alle sanzioni previste per incauto affidamento (398  euro) e al fermo di 60 giorni del ciclomotore, si è aggiunta anche la sanzione per la mancanza di copertura assicurativa (866 euro) con il sequestro del mezzo e una denuncia alla Procura per falso ideologico.

 

(immagine di repertorio)

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.