Cultura, 60 associazioni lanciano a Firenze gli ‘Stati Generali per una rigenerazione culturale’

Tra momenti di formazione e il centro di Firenze che diventa un teatro a cielo aperto

Galleria immagini

667 Visualizzazioni

martedì 01 settembre 2020 10:30

Il 28 maggio scorso, 60 associazioni e operatori culturali si sono riuniti a Firenze per discutere e confrontarsi sulla situazione emergenziale che la scena culturale sta vivendo. Lo hanno fatto per individuare modalità e possibili soluzioni per aiutare il settore a ripartire e delineare una serie di proposte per ridisegnare, rilanciare e rafforzare il tessuto culturale della città nel lungo termine: l'opportunità che si prospetta è quella di ricostruire una nuova visione dove poter far emergere un network sociale, una rete di connessioni multidisciplinari e trasversali fra comunità, politiche comunali e società civile. 

 

Dopo periodici incontri da maggio ad oggi, è nato il desiderio di confrontarsi con realtà e progetti attivi in altri territori: nasce così Stati Generali - per una rigenerazione culturale

 

Saranno organizzati momenti di formazione tenuti da personalità istituzionali, tecnici e operatori del settore nazionali e internazionali che nelle proprie città hanno contribuito a costruire un sistema di sostegno e programmazione culturale ottenendo risultati e riconoscimenti nell'ambito artistico, sociale ed economico e generando una maggiore partecipazione e relazione tra professionisti, cittadini, amministrazioni e privati. 

 

In corso i preparativi per una tre giorni nel mese di ottobre, dove verranno redatte delle proposte concrete da sottoporre all'amministrazione comunale di Firenze

 

Nel frattempo, si svolgeranno una serie di appuntamenti: il primo è programmato per mercoledì 3 settembre, alle ore 16, presso la Biblioteca Filippo Buonarroti, in viale Guidoni a Firenze, con una formazione a porte chiuse tra operatori culturali. 

 

Il secondo appuntamento, una lectio pubblica giovedì 4 settembre, alle ore 18.30, presso il Giardino dell’Orticoltura, che coinvolge il gruppo di Napoli TeatrInGestAzione con l'esperienza di Altofest durante FIT 2020 – Spazio, dove verrà approfondito e studiato il concetto di spazio pubblico/spazio privato nella programmazione culturale e una forma di azione sul territorio che coinvolga in maniera attiva e permanente la comunità. 

 

Il terzo appuntamento “Teatro di Città” è previsto per lunedì 7 settembre, a partire dalle ore 19, a cura di Save the City (Alessandro Riccio e Gigio Petrucci), con il patrocinio del Comune di Firenze, è un incontro tra gli artisti che hanno aderito al progetto e che potranno esibirsi per le strade del centro storico, rendendo così il centro di Firenze un vero e proprio teatro a cielo aperto. “Il 7 settembre il centro di Firenze si trasforma in un teatro a cielo aperto. Dalle 19 alle 23, più di 200 artisti inonderanno il centro storico con performance di ogni tipo – ha annunciato Alessandro Riccio in un video pubblicato su Facebook -  Piazzette, viuzze, angoli e scorci pieni di arte e di voglia di stare insieme. Per una volta Firenze smette di essere solo un salotto e diventa parco di divertimenti. Armatevi di mascherina, vestitevi un po’ benino, portate i vostri amici e portate i fidanzati. Torniamo a vivere la città”.

 

Foto tratta dal video Facebook di Alessandro Riccio

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.