Firenze, la precisazione della Polizia Municipale: 'Nessuna criticità nella fornitura dei blocchi dei verbali'

'L'abusivismo ha subito un forte ridimensionamento'

Galleria immagini

1385 Visualizzazioni

martedì 11 febbraio 2020 11:28

Nessuna criticità nella fornitura dei blocchi dei verbali. È quanto specifica la Polizia Municipale di Firenze dopo che nei giorni scorsi si era parlato di una riduzione delle sanzioni per divieto di sosta per una mancanza di 'blocchetti' per le contravvenzioni.

 

“Prosegue l’attività di controllo della sosta effettuata della Polizia Municipale in zcs sia negli spazi riservati ai residenti che in quelli a pagamento. La riorganizzazione di questa tipologia di servizio avvenuta nel mese di gennaio ha garantito una maggiore presenza e controllo della Polizia Municipale anche in alcune zone oggetto di segnalazione da parte dei residenti dovuta ad un numero elevato di veicoli in sosta non autorizzata", si legge in una nota del Comune.

 

"Ad oggi, dopo questo primo ciclo di servizi, l’abusivismo ha subito un forte ridimensionamento e si constata un maggior rispetto dei divieti di sosta negli spazi riservati. L’attività di controllo da parte della Polizia Municipale sarà assicurata anche in futuro, con una programmazione giornaliera e sistematica delle zone interessate dalla sosta per assicurare il rispetto delle norme".

 

E ancora, sui blocchi per i verbali: "Si segnala che dal comando viene monitorato l’approvvigionamento dei verbali sulla base delle esigenze operative del corpo: attualmente sono a disposizione circa 30.000 per le attività degli agenti su strada. E che al momento non si registrano criticità. Infine si sottolinea che i blocchi dei verbali non vengono più stampati dalla tipografia comunale da cinque anni, ma vengono forniti da una ditta esterna".

 

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.