Lunedì 20 gennaio è il Blue Monday, il giorno più triste dell'anno

Quali sono le origini di questa ricorrenza?

Galleria immagini

433 Visualizzazioni

lunedì 20 gennaio 2020 09:56

Blue Monday è il terzo lunedì di gennaio e quest'anno cade proprio oggi, lunedì 20 gennaio. Si tratterebbe del giorno più malinconico e triste dell’anno: infatti in inglese il termine ‘blue’ significa proprio triste e depresso. Ma è sempre stato così?

 

Le sue origini risalgono al 2005, quando Cliff Arnall, uno psicologo dell'Università di Cardiff, pubblicò una complicata equazione che mischiava psicologia e matematica. Arnall calcolò il Blue Monday prendendo in considerazione una serie di variabili: il meteo, la capacità di fronteggiare i debiti accumulati, il tempo trascorso dal Natale, il fallimento dei buoni propositi per il nuovo anno, i bassi livelli di motivazione e la sensazione di una necessità di agire.

 

Alla base di tutto ciò però non ci sarebbe niente di scientifico. La formula e la data sarebbero state, anche a detta dello stesso Arnall, una sorta di trovata pubblicitaria per aiutare le compagnie di viaggio ad analizzare la tendenza dei clienti, osservando come questi siano più propensi a prenotare un viaggio per sfuggire alla tristezza.

 

Nonostante ciò, il Blue Monday ha riscosso un certo successo e da qualche anno se ne parla moltissimo. Siti web e social network si riempiono di post ‘tristi’ e contemporaneamente si trovano in rete numerosi ‘rimedi’ al Blue Monday: c'è chi consiglia di fare un backup fotografico dei ricordi, incontrarsi con gli amici o dedicarsi all'attività fisica; c’è chi elenca i cibi del buonumore e anche chi suggerisce di andare al lavoro con il proprio cane.
 

Foto tratta dalla pagina Facebook ‘Inside Out IT’

 

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.