Vis Art

Vigilanza armata agli Uffizi, polemica Schmidt-Nardella: 'Il sindaco è disinformato'

Nardella: 'Misura inadeguata'. Ma Schmidt replica: 'C'è già alla Loggia dei Lanzi'

Galleria immagini

1 Visualizzazioni

venerdì 25 agosto 2023 19:55

La vigilanza armata della discordia. "Da settembre sotto i loggiati degli Uffizi e del Corridoio Vasariano, sarà attivo un servizio di vigilanza armata che coprirà tutte le ore del giorno e della notte, per proteggere i nostri monumenti da episodi vergognosi di questo genere. Abbiamo introdotto la guardiania armata a Boboli e in Piazza Pitti la primavera scorsa, con ottimi risultati", aveva detto ieri il direttore degli Uffizi Eike Schmidt, a seguito delle scritte vandaliche sulle colonne del Corridoio Vasariano. "A breve sarà concluso un bando che permetterà di dotare tutto il complesso museale, compresa la zona del loggiato Vasariano, di vigilanti armati h24”, aveva aggiunto il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano.

 

Oggi però arriva la replica del sindaco di Firenze, Dario Nardella: "Senza alcuna vena polemica e con grande rispetto per il ministro ritengo che mettere delle guardie armate private davanti ai musei sia una misura inadeguata e non convincente. Ci sono molte alternative più efficaci e meno contraddittorie di mettere delle armi davanti a un luogo di cultura, penso che non debbano mai essere schierate. Ad esempio in piazza della Signoria per il Nettuno abbiamo una videosorveglianza h24 dotata di fotocellula con agenti che intervengono attraverso altoparlanti nel momento in cui il turista oltrepassa il confine di protezione. Tra l'altro. i soldi pubblici dei contribuenti spesi per le guardie private si possono spendere per mandare più agenti in divisa, quelli sì che servono alla nostra città, per contrastare la criminalità dallo spaccio ai furti".

 

"La Vigilanza armata è attiva da anni nella Loggia dei Lanzi: il Comune a volte la richiede in supporto e il sindaco non ha mai obiettato. Gli Uffizi hanno chiesto ripetutamente il supporto del Comune per problemi di degrado: mai arrivato", risponde ancora Schmidt. "Le esternazioni del sindaco Dario Nardella sorprendono per la evidente disinformazione sull'argomento. La 'vigilanza armata' non significa pistoleri o bande di esaltati con il bazooka in mano: si tratta di guardie giurate, professionisti  che in varie forme sono presenti in tutti i grandi musei del mondo, oltre che nelle banche, in molti accessi degli ospedali, in uffici e negozi (anche in centro a Firenze). Inoltre, sono da anni in servizio per tutelare la Loggia dei Lanzi, che in passato, come in questi giorni il Corridoio Vasariano, è stata oggetto di numerosi vandalismi. Si tratta di una realtà consolidata, tanto che lo stesso Palazzo Vecchio, talvolta, ne chiede il supporto per piazza Signoria. La vigilanza armata è stata attivata alcuni mesi fa dalle Gallerie degli Uffizi in Piazza Pitti, dove persistevano problemi di degrado ora pacificamente risolti: su questo Nardella non ha mai avuto niente da ridire".

 

Continua il direttore della Galleria degli Uffizi: "Mi preme ricordare che da almeno sei anni gli Uffizi, e a più riprese io stesso in persona, abbiamo chiesto al Comune un sostegno da parte della Polizia Municipale per gestire le problematiche nell'area del museo legate ai vandalismi, al bagarinaggio, agli imbrattamenti, alla sporcizia: non solo questo sostegno non è mai arrivato, ma io stesso nel 2016 sono stato multato dai vigili urbani di Palazzo Vecchio per aver installato nel loggiato degli Uffizi altoparlanti tesi proprio scoraggiare il proliferare dei bagarini. Ironicamente, questo sistema acustico, efficacissimo, è stato di recente copiato da Nardella per la Fontana del Nettuno. Ora con l'attivazione della vigilanza esterna 24 ore al giorno e 7 giorni su 7, si garantirà maggiore sicurezza e tranquillità per cittadini e per i turisti. Agli Uffizi ci siamo rimboccati le maniche per contrastare tutti i problemi di degrado: le guardie giurate faranno sì che, come nel caso della Loggia dei Lanzi, di Boboli e di Piazza Pitti, dove il loro lavoro funziona benissimo e con discrezione, anche il Loggiato degli Uffizi e il Corridoio Vasariano possano essere protetti adeguatamente", conclude Schmidt.

 

Arriva la replica anche del ministro Sangiuliano: “Siamo contro gli atti di vandalismo in termini netti e inequivocabili, senza tentennamenti e con la massima fermezza. Il sindaco d Firenze, Dario Nardella, vada a rileggersi con attenzione le agenzie. Non ho mai proposto vigilanza armata davanti ai siti museali, ma, come ha già chiarito bene il Direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, ho solo prospettato l’idea, che andrà tutta verificata, di assegnare spazi nei principali musei, per posti di Polizia o di Carabinieri, cosa che già avviene. E’ chiaro però che le forze dell’ordine sono armate. Infatti, da tempo esiste un presidio dei Carabinieri all’interno degli Scavi di Pompei che ha perfettamente funzionato da deterrente verso gli atti vandalici. Appena Nardella sarà a Roma, lo invito ad andare al Parco Archeologico del Colosseo, da anni sorvegliato dai militari dell’Esercito. Questo già ben prima del mio arrivo al Ministero della Cultura. Se vogliamo fare la lotta ai vandali che sporcano i nostri monumenti e ci costringono a interventi costosi, facciamola ma senza ripensamenti ideologici, senza se e senza ma”.

 

E in serata arriva la contro-risposta di Nardella a Schmidt: "Capisco che è cambiato il Governo, ma dispiace che Schmidt voglia fare una polemica stizzita, non è questo il mio obiettivo. Anzi, approfitto della sua alzata di scudi per fare un po’ di chiarezza in merito alle sue dichiarazioni. Nel piazzale degli Uffizi c’era il progetto “Strade sicure” con i militari dell’esercito che però riguarda aspetti completamente diversi da quelli del vandalismo e visto che Schmidt è un funzionario dello Stato sono sicuro che vorrà anche lui appoggiare il mio appello ad avere 200 agenti in più che servono a garantire la sicurezza urbana. Preciso inoltre che mai è stato chiesto un supporto delle guardie della Loggia dei Lanzi. È logico che se succede qualcosa in piazza di notte è obbligo per tutti i cittadini intervenire per reprimere un reato, e questo vale tanto più per loro che nelle loro funzioni sono incaricati di pubblico servizio. La Polizia municipale ha operato e opera controlli nel Piazzale degli Uffizi e ha ridotto drasticamente il numero di abusivi e bagarini. Proprio per affrontare il problema dei bagarini, inoltre, è stato inserito nel regolamento Unesco un apposito comma che vieta la vendita su suolo pubblico di prodotti turistici.
Per quanto riguarda il sistema di allarme della fontana dell’Ammannati, questo è in funzione dal 2009, ben prima che arrivasse Schmidt, e non ha niente a che fare con gli altoparlanti da lui predisposti”.

 

LEGGI QUI: 

Firenze, iniziati lavori di ripulitura del Corridoio Vasariano. Schmidt: 'Da settembre vigilanza armata'

Scritte vandaliche sulle colonne del Corridoio Vasariano. Nardella: 'Gesto vergognoso'

 

 
logo-055 firenze

C & C Media s.r.l.
via Ponte a Greve, 54
50018 Scandicci - Firenze - Italy
p.iva 06282890489

powered by Genetrix s.c.r.l. - web agency, applicativi web, siti internet, grafica

055firenze.it
Quotidiano online
registrato presso il tribunale di Firenze
nr. 5937 del 18/10/2013.